All’Unesco di Parigi la Giornata Mondiale delle città, per andare verso l’Agenda 2030

1302

PARIGI, 31 OTTOBRE – Cambiare il mondo, innovare e costruire una vita migliore per le generazioni future: sono i temi della Giornata mondiale delle città di quest’anno e della conferenza che l’Unesco organizza oggi a Parigi.
La conferenza riunisce i rappresentanti di circa 24 municipalità nel mondo che lavoreranno in quattro panel dedicati a temi come la sostenibilità e l’azione per il clima, la rigenerazione urbana e l’inclusione sociale, l’innovazione tecnologica e le sfide del futuro.
I protagonisti dei tessuti urbani affronteranno questi temi partendo dalla considerazione che se le città rappresentano solo il 3% della superficie terrestre, sono però responsabili le consumo energetico e di tre quarti delle emissioni fossili sul pianeta.
Dibattiti tematici e audiovisivi metteranno in comune le più diverse esperienze e pratiche innovative che le città coadiuvate dall’Unesco hanno messo in atto negli ultimi anni nei settori come la lotta alle discriminazioni, gli obiettivi di sviluppo sostenibile, l’istruzione e la libertà di informazione, la tutela del patrimonio culturale ecc. In occasione della giornata di oggi inoltre l’Unesco si è associata alla FAO, all’UNHCR, all’Onu-habitat per favorire il lavoro comune in avvicinamento agli obiettivi di sviluppo sostenibile decisi dalle Nazioni Unite per l’Agenda 2030.
L’Onu ha proclamato la Giornata mondiale delle città per inviare un appello agli Stati, alle municipalità e ai cittadini per cambiare le cose e migliorare la vita delle metropoli. Nel corso della Conferenza verranno inoltre proclamati i vincitori per Premio Unesco-Netexplo per le città intelligenti.