Congo: illeso terzo italiano, Rocco Leone del WFP

199

ROMA, 23 FEBBRAIO – A bordo di uno dei due veicoli del WFP coinvolti ieri in un tragico agguato nella Repubblica Democratica del Congo c’era un terzo italiano, Rocco Leone, il vice direttore dell’agenzia dell’Onu nel Paese. Leone e’ rimasto illeso mentre l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci e l’autista di uno dei veicoli, Mustapha Milambo, hanno perso la vita.

Leone ha 56 anni ed e’ originario di Prato. Era in Congo da circa due anni, dopo aver lavorato e vissuto in molti altri Paesi africani. La moglie, che abita a Firenze, ha potuto parlare al telefono con il marito, che l’avrebbe rassicurata sulle sue condizioni.

Il WFP ha dato oggi alcuni aggiornamenti sulla dinamica dell’incidente in cui e’ rimasto coinvolto un gruppo di sette persone, cinque delle quali dipendenti del WFP, che viaggiavano da Goma a Rutshuru dove era in agenda una visita a un programma di mense scolastiche.

Lasciata Goma verso le 9, ora locale, la delegazione e’ finita sotto attacco intorno alle 10:15. I veicoli sono stati bloccati da un gruppo armato e i passeggeri costretti a scendere. L’autista Milambo e’ stato ucciso a quel punto. Gli altri sei sono stati portati a forza nella foresta. Li’ c’e’ stato uno scambio di colpi di arma da fuoco durante il quale Attanasio e Iacovacci sono rimasti mortalmente feriti. Gli altri quattro del WFP sono illesi: oltre a Leone sono Fidele Zabandora, WFP School Feeding Programme Assistant, Mansour Rwagaza, WFP Security Officer, e l’altro autista, Claude Mukata. (@OnuItalia)