Cooperazione: prima riunione Comitato congiunto, nel 2021 l’Italia protagonista di eventi internazionai

84
cooperazione

ROMA, 16 MARZO – Un pacchetto di iniziative del valore complessivo di oltre 106 milioni di euro è stato approvato nel corso della prima seduta annuale del Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo, presieduta dal Ministro per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, alla presenza della Vice Ministra Marina Sereni.

Luigi di Maio

Tra le misure lo stanziamento di  55 milioni di Euro di crediti d’aiuto in favore dell’Albania, parte del pledge italiano per la ricostruzione del paese dopo il terremoto del 2019; 45 milioni di euro di contributi volontari a favore di organizzazioni internazionali, tra cui 24 milioni a favore del GAVI, l’Alleanza globale per i vaccini e l’immunizzazione, 16 milioni destinati a UNDESA (l’Agenzia dell’Onu per gli Affari economici e sociali – in particolare per i programmi JPOs e Fellows per i giovani funzionari italiani nelle Organizzazioni internazionali) e 3 milioni per l’organizzazione del Vertice ONU sui sistemi alimentari (e del pre-Vertice si terrà a Roma); circa 5 milioni di euro sono destinati a iniziative di cooperazione in Paesi del Medio Oriente e dell‘Africa.

Nel suo intervento introduttivo, il Ministro Di Maio ha voluto sottolineare che ”nel contesto ancora grave della pandemia, la Cooperazione allo Sviluppo continua a svolgere un ruolo strategico per la politica estera italiana, mettendo al centro del proprio impegno la salute come bene pubblico globale e l’attenzione all’impatto della crisi attuale sui Paesi più vulnerabili”.  Il ministro ha poi ricordato gli importanti appuntamenti multilaterali nel 2021 che vedranno l’Italia protagonista: la Presidenza del G20, nel cui ambito avranno luogo il Global Health Summit a Roma il 21 maggio, sulla lotta alla pandemia, e la sessione dedicata al Continente africano durante la Ministeriale Esteri che si terrà a Matera il 29 giugno. Inoltre, nel mese di luglio presso la FAO l’Italia co-organizzerà il Pre- Food System Summit e in ottobre la Conferenza Italia-Africa.

Frattanto la Farnesina ha reso noto che è atterrato presso l’aeroporto di Giuba, in Sud Sudan, un volo umanitario della Cooperazione italiana partito dalla Base di Pronto Intervento delle Nazioni Unite (UNHRD) di Brindisi con un carico di 12 tonnellate di beni umanitari, materiale di prima assistenza ed aiuti alimentari, forniti rispettivamente dalla Cooperazione italiana e da Organizzazioni della Società Civile.  La spedizione, realizzata in collaborazione con la Federazione internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC), è destinata a rafforzare l’assistenza umanitaria a sostegno della popolazione sfollata a seguito delle inondazioni dello scorso anno e della popolazione locale afflitta dalla crisi sanitaria ed alimentare in atto nel Paese.