Cooperazione: Del Re incontra Sigrid Kaag (Paesi Bassi), tra temi sicurezza alimentare

215

ROMA, 7 LUGLIO – L’impegno italiano in materia di sicurezza alimentare nel contesto della pandemia da Coronavirus e’ stato al centro di un incontro oggi a Roma tra la Vice Ministra degli esteri Emanuela Del Re e la Ministro del Commercio e della Cooperazione Internazionale del Regno dei Paesi Bassi, Sigrid Kaag: “La Cooperazione Italiana e’ ben cosciente della sfida di promuovere un’agricoltura inclusiva, moderna e sostenibile, per rafforzare la resilienza dei produttori”, ha detto Del Re: “In questo modo, gli agricoltori potranno superare le difficolta’ dovute alla pandemia e assicurare migliore accesso al cibo, specialmente nelle aree piu’ remote e nel lungo periodo”. Nel corso dell’incontro e’ stata sottolineata la collaborazione in corso tra Italia e Paesi Bassi nel Gruppo di amici sul cibo e la nutrizione alle Nazioni Unite e per la preparazione del “Food Systems Summit”.

Tra i temi di politica internazionale e di strategie della cooperazione allo sviluppo e’ stata evocata l’iniziativa “Team Europe”, che la Vice Ministra ha definito “la tangibile evidenza dello sforzo dell’Europa nel sostenere i Paesi partner nella lotta alla pandemia.” “Spero” – ha proseguito – “che l’Europa potrà cosi’ mettere in pratica il principio spesso affermato di voler “parlare con una sola voce”, presentandosi come una squadra forte e capace di costruire sulle specificità di ogni Paese”. Del Re ha quindi auspicato che Italia e Paesi Bassi possano lavorare insieme per promuovere Team Europe come una maniera di contare di più, sia a livello bilaterale che di Unione.

Venendo al “Grand Bargain”, il patto fra donatori ed organizzazioni umanitarie – governative e non – lanciato al World Humanitarian Summit (2016), Del Re e Kaag hanno concordato sulla necessita’ di far progredire l’iniziativa, raggiungendo la partecipazione dei massimi vertici politici. Senza un simile impegno, il sistema umanitario rischia di collassare di fronte all’esplosione dei bisogni causati dall’epidemia e dagli innumerevoli conflitti in corso, perdendo di credibilità.

L’incontro ha infine consentito un fruttuoso scambio di opinioni sulle questioni del continente africano, con particolare riferimento alle crisi in atto nel Sahel e nel Corno d’Africa. (@OnuItalia)