Cornado: donne hanno ruolo chiave nella lotta al COVID-19

243

GINEVRA, 7 LUGLIO – Il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite a Ginevra, Ambasciatore Gian Lorenzo Cornado, è intervenuto oggi in occasione del dialogo interattivo con il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla discriminazione contro le donne e le ragazze, durante la 44esima Sessione del Consiglio dei Diritti Umani. Cornado ha dichiarato che l’Italia concorda con il Gruppo di Lavoro sulla centralità di una ridistribuzione del potere e delle risorse per la realizzazione dei diritti umani delle donne in un mondo del lavoro in cambiamento. “Il nostro paese, ha proseguito, riconosce che le donne svolgono un ruolo chiave nella lotta COVID-19, con molte in prima linea, fornendo servizi essenziali medici e di altro tipo nonché consentendo alla società di continuare a funzionare”.

A tale proposito, l’Ambasciatore Cornado ha sottolineato che il Ministro italiano per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, ha istituito lo scorso aprile una task force femminile “Donne per un nuovo Rinascimento” volta a mitigare l’impatto della pandemia, tenendo conto della dimensione di genere per una rinascita sociale, culturale ed economica. Ha evidenziato che tale Task Force ha recentemente pubblicato una serie di proposte per aumentare la percentuale di donne in tutti i settori di lavoro, superare gli ostacoli all’avanzamento di carriera, combattere gli stereotipi di genere che impediscono alle donne di raggiungere responsabilità di leadership, nonché generare nuove energie ed opportunità per tutti.

L’Ambasciatore Cornado ha inoltre ricordato che la parità di genere è sancita dalla Costituzione italiana e che il Codice italiano per le pari opportunità tra donne e uomini si applica a tutti gli ambiti della vita. Ha chiesto infine il parere del Gruppo di Lavoro su come garantire che le leggi e le pratiche possano essere efficacemente allineate agli standard internazionali e sulle misure prioritarie da mettere in atto, nella crisi attuale, prestando la dovuta attenzione alle voci e alla leadership delle donne.

Per il testo integrale dell’intervento: clicca qui (@OnuItalia)