Coronavirus: rinvii e chiusure all’Onu, sia a New York che Ginevra

806
Foto Alessandra Baldini

NEW YORK, 10 MARZO – “Per eccesso di cautela” contro l’emergenza COVID 19 il Palazzo di Vetro sospende l’accesso al pubblico e le visite guidate. Lo ha annunciato Stephane Dujarric, il portavoce dell’Onu.

“Per eccesso di prudenza e in seguito alla decisione di ridurre il numero del personale presente al Palazzo di Vetro – si legge in una nota – è stato deciso di chiudere il complesso al pubblico e di sospendere temporaneamente tutte le visite guidate fino a nuovo avviso”. Le misure entreranno in vigore alle 20 locali, le 2 di domattina in Italia. Dujarric ha indicato che al momento non ci sono stati casi di “positivi” tra il personale interno del Palazzo di Vetro che peraltro si sta preparando a lavorare sempre di piu’ da casa. L’obiettivo e’ di ridurre del 40 per cento le presenze al Palazzo di Vetro”, ha detto un portavoce alla radio locale 1010 WINS.

E’ intanto i corso una riunione dell’Assemblea Generale per decidere l’opportunita’ di prendere ulteriori misure. L’obiettivo e’ di far lavorare all’interno del Palazzo due giorni alla settimana e tre da casa, ha appreso il quotidiano francese Le Monde. Intanto sempre in vista dell’emergenza, i 15 membri del Consiglio di Sicurezza stanno testando metodi che potrebbero consentire loro di riunirsi e potenzialmente votare su risoluzioni e altre dichiarazioni in remoto.

L’emergenza virus ha gia’ avuto effetto sulla Commissione per lo Stato delle Donne che avrebbe dovuto svolgersi in questi giorni con la partecipazione di delegazioni venute da tutto il mondo. La sessione si e’ svolta in formato ridotto il 9 marzo con l’adozione da parte delle delegazioni nazionali della dichiarazione politica concordata in precedenza.

A Ginevra, dove oggi un membro dello staff del WTO e’ risultato positivo al virus, gia’ giorni fa le Nazioni Unite hanno deciso (sentite le autorità federali svizzere che avevano imposto l’annullamento di ogni evento con oltre 1000 persone almeno fino a meta’ marzo), di cancellare gli eventi a margine del Consiglio Diritti Umani (oltre 200 in calendario), per ridurre il flusso di persone – soprattutto esterne – all’interno del Palazzo delle Nazioni.

E sempre a Ginevra UNCTAD ha deciso di rinviare la 22esima sessione della commissione sulla Scienza e la Tecnologia che si sarebbe dovuta tenere dal 23 al 27 marzo. (@OnuItalia)