COVID-19: Di Maio, Italia e Ue per inchiesta autonoma e indipendente con appoggio Oms

451
Di Maio

ROMA, 24 MAGGIO – Come Italia e insieme all’Ue stiamo condividendo l’iniziativa che una inchiesta autonoma e indipendente, con l’appoggio  dell’Oms, sia aperta sull’origine della pandemia da COVID-19. Lo ha detto il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio in una intervista al Messaggero.

“L’Italia ha fatto suo un principio all’inizio di questa crisi: la trasparenza. Siamo stati trasparenti e chiediamo trasparenza a tutti i nostri partner. Per quanto riguarda l’origine del virus è giusto fare luce anche per correggere errori nel futuro”, ha detto Di Maio. E tuttavia: “Colpire o alimentare scontri aiuta poco ora, a mio avviso. Il mondo deve mostrarsi unito davanti a questo virus. Credo sia sempre opportuno affidarsi alla scienza, fermo restando che prendiamo seriamente le preoccupazioni di Washington, nostro principale alleato”, ha aggiunto il ministro.

Ancora oggi, mentre gli Stati Uniti si avviano a superare la soglia dei centomila morti, il presidente americano Donald Trump e’ tornato ad attaccare Pechino: “La Cina è stata incompetente o non ha voluto fermare il coronavirus”, ha detto il capo della Casa Bianca in
un’intervista alla catena Sinclair Broadcasting, sottolineando che le misure prese dalla sua amministrazione hanno “salvato milioni di vite”. Dopo aver sospeso temporaneamente i pagamenti, Trump minaccia adesso di tagliare i fondi all’Oms accusando l’agenzia dell’Onu per la salute di “un’allamante carenza di indipendenza” dalla Cina.

L’inchiesta sulla gestione della pandemia da coronavirus da parte dell’Oms e’ stata approvata il 19 maggio dall’Assemblea dell’organizzazione in una risoluzione che ne prevede l’avvio “al momento opportuno più prossimo”. La risoluzione e’ stata promossa dall’Unione europea che ha lavorato per mediare nello scontro tra Washington e Pechino.  Il testo chiede di valutare “le azioni dell’Oms e la loro tempistica relativa alla pandemia Covid-19 e formulare
raccomandazioni per migliorare la prevenzione globale e la capacità di risposta, anche attraverso un rafforzamento appropriato del programma di emergenza sanitaria dell’Oms”.

Il testo dell’intervista del Ministro si puo’ leggere qui.  (@OnuItalia)