COVID-19: Italia e 137 altri Paesi, risposta a pandemia sia inclusiva della disabilita’

397

NEW YORK, 19 MAGGIO – L’Italia con altri 137 paesi delle Nazioni Unite ha approvato una dichiarazione su una risposta inclusiva della disabilità alla pandemia di COVID-19. “Insieme lanciamo un potente appello per garantire che le persone con disabilità non vengano lasciate indietro e discriminate”, ha annunciato su Twitter la Missione Permanente italiana presso le Nazioni Unite.

“Le persone con disabilità sono state colpite in modo sproporzionato dalla pandemia e molte di loro sono a maggior rischio di contrarre il virus e sviluppare gravi complicazioni o aumento della mortalità per varie ragioni, tra cui, in alcuni casi, condizioni di salute preesistenti o il fatto che vivono in contesti istituzionali”, hanno osservato gli Stati membri dando il benvenuto al documento politico del segretario generale Antonio Guterres su “Una risposta inclusiva della disabilità al COVID-19 “, nonché ad altri orientamenti rilevanti offerti delle Nazioni Unite sia in sede OMS che OHCHR.

“Le persone con disabilità hanno davanti maggiori barriere attitudinali, ambientali e istituzionali e discriminazioni, l’esclusione dall’accesso ai servizi e alle informazioni di assistenza sanitaria, nonché gravi interruzioni del lavoro, dell’istruzione e dell’accesso alla protezione sociale e ad altri servizi di supporto”, si legge nella dichiarazione. Questi aspetti possono essere aggravati da forme multiple e intersecanti di discriminazione affrontate da donne, bambini e persone anziane con disabilità e persone con disabilità in situazioni di rischio ed emergenze umanitarie.

D’altro canto, hanno affermato gli Stati membri, “una risposta e un recupero COVID-19 inclusivi delle problematiche della disabilità andranno a vantaggio di tutti e impediranno di perdere i guadagni realizzati nell’inclusione e nei diritti delle persone disabili. Forniranno alle persone con disabilità sistemi accessibili e agili in grado di rispondere alla pandemia. Poiché ogni crisi può anche diventare un’opportunità, apriamo la strada a un futuro migliore per tutti, dove nessuno è lasciato indietro”.

Per leggere la dichiarazione completa, clicca qui. (@OnuItalia)