Covid: OMS, FMI, Banca Mondiale e WTO chiedono sforzo definitivo contro pandemia

37

ROMA, 4 GIUGNO – I leader del Fondo Monetario Internazionale (FMI), ella Banca Mondiale, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) hanno lanciato un appello straordinario per nuovi finanziamenti da parte di tutti gli stati in modo da accelerare la fine della pandemia di COVID-19. Le organizzazioni internazionali chiedono investimenti per 50 miliardi di dollari per generare 9 trilioni di dollari di rendimenti economici globali entro il 2025 e aumentare la capacità produttiva, l’offerta, i flussi commerciali e l’equa distribuzione di diagnostica, ossigeno, trattamenti, forniture mediche e vaccini. L’invito all’azione di questo gruppo quadrilatero arriva in un momento cruciale della pandemia e alla vigilia delle riunioni del G7 e dopo il Vertice globale sulla salute del G20 co-ospitato dalla Ue e dall’Italia, che presiede il G20.

Le dosi devono essere donate immediatamente ai paesi in via di sviluppo, sincronizzate con i piani nazionali di diffusione dei vaccini, anche attraverso COVAX, che è co-guidata da CEPI, Gavi e OMS, insieme al partner chiave per la somministrazione UNICEF.
In una dichiarazione pubblicata dai giornali di tutto il mondo, i leader Kristalina Georgieva, Tedros Adhanom Ghebreyesus, David Malpass e Ngozi Okonjo-Iweala, hanno affermato che i governi devono agire senza ulteriori indugi o rischiare continue ondate e focolai di COVID-19, nonché varianti di virus più trasmissibili e mortali che compromettono la ripresa globale.
I leader delle quattro agenzie hanno dichiarato: “Ormai è diventato abbastanza chiaro che non ci sarà una ripresa di ampio livello senza porre fine alla crisi sanitaria. L’accesso alla vaccinazione è fondamentale per entrambi”. L’iniezione di fondi ”porterà la pandemia a scomparire più velocemente nei paesi in via di sviluppo, ridurrà le infezioni e la perdita di vite umane, accelererà la ripresa economica e genererà circa 9 trilioni di dollari di produzione globale aggiuntiva entro il 2025″, ha affermato la leadership.
“Aumentare i nostri obiettivi e vaccinare più persone più velocemente: l’OMS e i suoi partner COVAX hanno fissato l’obiettivo di vaccinare circa il 30% della popolazione in tutti i paesi entro la fine del 2021″, hanno detto i quattro leader. ” Ma si può raggiungere anche il 40% attraverso nuovi accordi e far crescere gli investimenti, e arrivare ad almeno il 60% entro la prima metà del 2022.  “La cooperazione in materia di commercio è necessaria anche per garantire la libera circolazione transfrontaliera e l’aumento dell’approvvigionamento di materie prime e vaccini”, hanno concluso i quattro leader.