COVID e SDGs: Zappia, “multilateralismo e’ unica scelta”

168

NEW YORK/ROMA, 22 SETTEMBRE – “Quella del COVID-19 è la tipica crisi in cui anche il più potente non può andare da solo, le Nazioni Unite devono dare risposte e rivedere la struttura della comunità internazionale. Il multeralismo e’ l’unica scelta”. Lo ha detto la rappresnetante permanente italiana all’Onu intervenendo oggi in videocollegamento con Il Festival per lo Sviluppo Sostenibile organizzato da ASviS a Roma e online fino all’8 ottobre.

“Il Festival è miglior modo di rappresentare quello che si dovrebbe fare: un dialogo collettivo di diplomazia, politica, di economia, di sociale e di atti concreti.È una realtà che sta lasciando il segno,” ha detto la Zappia.

Puntando i riflettori sull’Assemblea generale delle Nazioni Unite il cui segmento ad alto livello si apre oggi per la prima volta in forma totalmente virtuale, l’Ambascaitrice ha osservato che “anche le commemorazioni servono, per ricordarci il senso di queste istituzioni che abbiamo costruito come comunità internazionale, e perchè vadano protette”.

Il Festival dello Sviluppo Sostenibile, arrivato alla quarta edizione, è la più grande iniziativa italiana per sensibilizzare e mobilitare cittadini, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, e realizzare un cambiamento culturale e politico che consenta all’Italia di attuare l’Agenda 2030 dell’Onu e i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile. Oltre 300 eventi sono in programma da oggi fino all’8 ottobre: affronteranno temi cruciali per il futuro dell’Italia e fare il punto sul cammino verso i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Il Festival ha una “casa” presso il museo Macro, da dove vengono trasmessi quasi tutti gli eventi nazionali. Per tener conto anche delle esperienze che stanno maturando in altri Paesi, il Festival 2020, grazie alla collaborazione con il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale (MAECI) e la rete delle sedi diplomatiche, si esteso anche al resto del mondo con una serie di eventi realizzati con il coinvolgimento delle ambasciate e degli enti pubblici e privati italiani che operano all’estero. (@OnuItalia)