Dieta Mediterranea a dieci anni riconoscimento UNESCO, cresce all’estero, meno in Italia

970
dieta

TORINO, 21 FEBBRAIO – La dieta mediterranea celebra i dieci anni dal riconoscimento dell’UNESCO: un sistema
nutrizionale e uno stile di vita che fanno bene a salute e
ambiente, piace addirittura più all’estero che in Italia dove viene seguita dal 41% della popolazione del Nord, dal 16,8% del Centro e dal 42,1% del Sud. Il tema è stato al centro dell’incontro dedicato dal Festival del Giornalismo Alimentare, in corso a Torino. Il riconoscimento UNESCO risale a dicembre 2010 e ha portato nel corso del decennio a livello mondiale a un aumento del consumo di pasta da quasi 9 a circa 15 milioni di tonnellate annue.

“Abbiamo un enorme patrimonio nato in Italia ma lo stiamo
perdendo – sottolinea Luca Di Leo di Barilla – perché si mangia
sempre più come fast food, non si mangia più in modo conviviale spesso come in tempo e si fa poca attività fisica”. Per l’ex ministro e attuale presidente Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio la dieta mediterranea, anche come stile di vita, “è integrazione fra i popoli. simbolo di inclusione, accoglienza e condivisione e non di nazionalismo. Abbiamo il dovere di utilizzare l’anno del decennale per la valorizzazione della dieta mediterranea che è una dieta a basso impatto ambientale e può essere un fattore d’azione contro il climate change”. (@OnuItalia)