Giornata diritti umani a centro iniziative Italia nel mondo, Ginevra: ‘Sempre in prima fila’

1009
Ginevra

GINEVRA, 10 DICEMBRE – Con un tweet la Rappresentanza permanente italiana all’Onu di Ginevra ha voluto celebrare la Giornata Internazionale per i Diritti Umani. Anche la Cooperazione italiana ha ricordato la ricorrenza affermando che ”la promozione e la protezione dei diritti umani è al centro delle iniziative italiane nel mondo. Senza il rispetto della dignità umana non possiamo arrivare a centrare gli obiettivi della sostenibilità”, afferma il tweet.
Da Ginevra si ricorda che nel 2019 l’Italia, durante il suo mandato come membro del Consiglio dei diritti umani, è stata co-sponsor di
-60 risoluzioni
-33 dichiarazioni congiunte
-7 eventi collaterali sull’argomento
Da parte sua la Cooperazione sottolinea ”il ruolo dei giovani come fonte di ispirazione per un futuro migliore”.
Il 10 dicembre 1948, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite firmava la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. All’epoca l’ONU era formata da 58 Paesi, 48 votarono a favore e firmarono il documento, 2 non erano presenti al voto e 8 si astennero, nessuno votò contro. Redatta dopo gli orrori della seconda guerra mondiale, con i suoi 30 articoli, preceduti da un preambolo, la Dichiarazione Universale sanciva così i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali e culturali di ciascun individuo.
Da quel giorno ad oggi, ogni anno il 10 dicembre si celebra la Giornata Mondiale dei Diritti Umani con lo scopo di educare e sensibilizzare tutti al rispetto della persona umana in quanto tale e a ricordare i passi compiuti dalla società verso il rispetto di tutti gli esseri umani contro la schiavitù e la soppressione dei diritti individuali.