Diritto internazionale umanitario: un corso a a Shama per militari UNIFIL

55

SHAMA, 3 MAGGIO – Si è svolto presso la base “Millevoi” di Shama, nel Libano meridionale, il 150˚ Corso di Diritto Internazionale Umanitario dei conflitti armati per operatori internazionali, svolto dalla Croce Rossa Italiana a favore di 30 militari italiani e stranieri impiegati nel Settore Ovest di UNIFIL.

Articolato su quaranta ore di studio suddivise tra lezioni frontali “a distanza” e momenti di esercitazione in sottogruppi, il corso è stato condotto da Docenti Universitari, Istruttori di Diritto Internazionale, Consiglieri Giuridici e da personale della Croce Rossa collegato da ogni parte d’Italia.

Particolarmente significative sono state le lectio magistralis del Dottor Nicola Pedde, direttore dell’Institute of Global Studies e del Professor Edoardo Greppi, esperto di Diritto Internazionale Umanitario.

In considerazione della presenza di personale straniero appartenente al comando multinazionale del Settore Ovest, le lezioni e le esercitazioni di applicazione delle norme di diritto internazionale in casi concreti, si sono svolte interamente in inglese. Il corso ha visto un’equa partecipazione di personale femminile e maschile qualificandosi pertanto come un’attività attenta alle tematiche gender.

Nei sei giorni di lezione sono stati affrontate tematiche come i principi di proporzionalità, limitazione e distinzione e argomenti di assoluta attualità che riguardano i diritti umani e il fenomeno migratorio, l’esperienza della CRI, il trattamento dei prigionieri di guerra, l’uso e l’abuso dell’emblema di protezione ed il movimento internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

L’attenta analisi di casi di studio richiedenti l’applicazione delle norme in contesti simulati, ha reso il corso strettamente attinente alle diverse situazioni che il personale militare può trovarsi ad affrontare in contesti simili a quello libanese.

Al termine del corso si è svolta una ristretta cerimonia di consegna degli attestati di partecipazione ad una rappresentanza dei militari frequentanti. Il Generale di Brigata Davide Scalabrin ha sottolineato “l’importanza assoluta di approfondire la conoscenza di norme fondamentali per lo svolgimento del nostro lavoro in ogni ambito di impiego e in ogni tipologia di operazione” e ringraziato i docenti per “la comprovata competenza e la passione che hanno infuso nel trasmettere ai partecipanti una materia così ampia e difficile, in una modalità tecnicamente complessa derivata dai collegamenti tra i militari del Sector West e i docenti ”.

Il Colonnello dell’Aeronautica Militare Francesco Elia, Direttore del Corso della Croce Rossa Italiana, ha ringraziato il personale partecipante per l’interesse dimostrato verso la materia, testimonianza di come “la diffusione della conoscenza delle norme del Diritto Internazionale Umanitario, uno degli scopi principali della Croce Rossa Internazionale, sia fondamentale per il lavoro svolto dai militari sul campo nei difficili teatri operativi in cui sono impiegati”.

Un ringraziamento particolare è stato espresso al personale della Brigata Alpina “Taurinense” che grazie alla propria esperienza e professionalità ha reso possibile questo corso pur in un contesto limitato dalla distanza e dalle difficoltà dovute alla attale situazione sanitaria. (@OnuItalia)