World Social Report 2020 dell’Onu: nel mondo disuguaglianze in forte aumento

1786

ROMA, 23 GENNAIO – Un rapporto allarmante quello che l’Onu dedica allo ‘stato sciale del mondo’: dal ”World Social Report 2020” emerge che le disuguaglianze sono cresciute a livelli record in tutto il mondo e dal 1990 a oggi il divario tra i ricchi e i poveri è praticamente raddoppiato. Non solo, secondo il rapporto la diseguaglianza globale aumenterà ancora, specie se non si riuscirà ad arginare i fattori che più stanno influenzando la fase attuale e cioè l’innovazione tecnologica, i cambiamenti climatici, l’urbanizzazione e le migrazioni internazionali. In trent’anni, quindi, la differenza tra i redditi pro capite medi dei Paesi più avanzati e di quelli meno sviluppati è aumentata del 100%.
Nel rapporto dell’Onu si legge che più di due terzi della popolazione mondiale vive oggi in Paesi in cui la disuguaglianza è cresciuta dal 1990 – tra cui la maggior parte dei Paesi ad alto reddito (Italia inclusa), la Cina, l’India – e, a partire dal 2010, anche il Brasile, il Messico e l’Argentina. Nel 2015, si legge ancora, l’1% della popolazione di 18 Paesi, tra cui Stati Uniti, Russia, India e Brasile, detiene oltre il 20% della ricchezza mondiale e, senza rapidi progressi nella riduzione di diseguaglianze basate su genere, razze, etnie, disabilità e status migratorio e socioeconomico, l’obiettivo di “non lasciare indietro nessuno” diventerà ancora più difficile da realizzare nel 2030. La copertura di almeno un regime di protezione sociale varia dal 90% della popolazione europea a meno del 15% in Africa.

I DATI – Il rapporto è ricco di dati, registrati in numerosi settori. Così la percentuale dei dipendenti membri del sindacato è diminuita tra il 2004 e il 2016 in almeno 60 Paesi su un totale di 88 Paesi. Nei Paesi Osce più sviluppati le aliquote fiscali più elevate sono scese dal 66% del 1981 al 43% del 2016. Secondo il rapporto, inoltre, nei Paesi in via di sviluppo i bambini delle famiglie più povere e quelli dei gruppi etnici più svantaggiati, pur registrando miglioramenti dal 1990 a livello di cure mediche, educazione e diritti, stanno già sperimentando disuguaglianze a livello di frequenza nelle scuole secondarie e dal 2030 vedranno un rallentamento generale dei progressi, poiché gli svantaggi nella salute e nell’istruzione si trasmettono da una generazione all’altra. La crescente disuguaglianza sia nei Paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati inoltre  potrebbe esacerbare le divisioni e rallentare lo sviluppo economico e sociale.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres afferma nella prefazione che il rapporto “arriva mentre affrontiamo le dure realtà di un panorama globale profondamente diseguale. Le disparità di reddito e la mancanza di opportunità stanno creando un circolo vizioso di disuguaglianza, frustrazione e malcontento tra le generazioni”. “Il World Social Report 2020 lancia un messaggio chiaro – sottolinea il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres – il corso futuro di queste sfide complesse non è irreversibile. Il cambiamento tecnologico, la migrazione, l’urbanizzazione e persino la crisi climatica possono essere sfruttate per creare un mondo più equo e più sostenibile, oppure possono dividerci ulteriormente”.