ECOSOC: entro 1/o giugno domande Ong per ottenere status consultivo

414
ECOSOC

ROMA, 5  MAGGIO – Il sito Infocooperazione ricorda che ogni anno, entro il 1 giugno, il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) riceve le candidature delle ONG per ottenere lo status consultivo. Si tratta della possibilità di partecipare a conferenze ed eventi internazionali, fare dichiarazioni scritte e orali durante gli eventi delle Nazioni Unite, organizzare eventi collaterali, entrare nei locali dell’Onu e avere l’opportunità di fare rete e lobby. Al 30 aprile 2020 sono 5451 le ONG di tutto il mondo che godono di uno stato consultivo attivo con ECOSOC.

Le organizzazioni interessate, segnala il sito, devono registrare un proprio profilo nel database e presentare la propria candidatura online. L’ufficio responsabile dei rapporti con le ONG presso le Nazioni Unite riceve le candidature e le inoltra al Comitato sulle ONG che si riunisce due volte all’anno per decidere quali organizzazioni possano ottenere lo status e quelle che presenteranno la domanda entro il 1 giugno 2020 potrebbero essere già accreditate a partire dal 2021.

L’Onu ha pubblicato una guida che spiega il significato dello status, i vantaggi derivanti e il processo di selezione delle ONG. La guida vuole incoraggiare le organizzazioni a chiedere lo status consultivo presso il Consiglio e aiutare quelle già in possesso dello status consultivo a ottenere il massimo da questo rapporto, aumentando il loro contributo al lavoro del ECOSOC.