Agricoltura: le previsioni FAO e OCSE per i prossimi 10 anni. Prezzi, emissioni, Fame Zero

1708
fame zero

ROMA, 10 LUGLIO – Nei prossimi dieci anni la domanda globale di prodotti agricoli è destinata a crescere del 15%, mentre è prevista una più rapida crescita della produttività agricola, il che farà sì che i prezzi delle principali materie prime – al netto dell’inflazione – rimangano invariati o al di sotto dei livelli attuali: lo sostiene la relazione annuale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) e della FAO sulle Prospettive agricole OCSE-FAO 2019-2028 di quest’anno.sviluppo sostenibile

L’edizione del rapporto, presentata a Roma, fornisce una valutazione unanime sulle prospettive per i prossimi 10 anni per i mercati delle materie prime agricole e ittiche a livello nazionale, regionale e globale. Nella prefazione il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva e il Segretario Generale dell’OCSE Angel Gurría sostengono che “l’agricoltura globale si è evoluta in un settore molto diversificato, con attività che vanno dalle piccole fattorie di sussistenza alle grandi multinazionali“. Oltre a fornire alimenti, hanno aggiunto, oggi gli agricoltori “sono importanti custodi dell’ambiente naturale e sono diventati produttori di energie rinnovabili”.

Il rapporto prevede che maggiori rendimenti ed una maggiore intensità di produzione, sospinti dall’innovazione tecnologica, porteranno a una maggiore produzione anche se l’uso di terreni agricoli rimarrà sostanzialmente costante a livello globale. Nel frattempo si prevede che nel prossimo decennio le emissioni dirette di gas a effetto serra del settore agricolo cresceranno di circa lo 0,5% annuo, al di sotto dello 0,7% degli ultimi 10 anni e al di sotto del previsto tasso di crescita della produzione – il che indica la diminuzione dell’intensità di carbonio.

Il rapporto sottolinea però che si delineano nuove incertezze, che vanno ad aggiungersi ai consueti rischi per l’agricoltura. Tra esse troviamo sconvolgimenti causati da tensioni commerciali, diffusione di malattie animali e delle piante, la crescente resistenza antimicrobica, risposte normative a nuove tecniche di miglioramento delle piante ed eventi climatici sempre più estremi. Le incertezze includono inoltre l’evoluzione delle preferenze alimentari alla luce di problemi di salute e sostenibilità e contromisure da adottare a livello globale per gli allarmanti trend dell’obesità.

Nel corso del periodo preso in esame si prevede che il consumo di cereali per uso alimentare aumenterà in tutto il mondo di circa 150 milioni di tonnellate – pari ad un aumento del 13% – di cui riso e grano rappresentano la porzione principale. Il fattore più importante a sostegno della crescita prevista per l’uso alimentare dei prodotti di base è la crescita della popolazione, che dovrebbe aumentare più velocemente nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale. Nelle regioni più bisognose è purtroppo prevista una lenta crescita dei redditi e di conseguenza solo piccoli miglioramenti dello stato nutrizionale”, ha segnalato Máximo Torero, Direttore Generale Aggiunto per lo Sviluppo Economico e Sociale della FAO. “I risultati indicano un calo generale della sottoalimentazione ma, con gli attuali tassi di miglioramento, saremmo ben lontani dal raggiungere l’obiettivo Fame Zero entro il 2030″.

Il commercio di materie prime agricole e ittiche dovrebbe espandersi nel prossimo decennio di circa l’1,3% all’anno, più lentamente rispetto al decennio scorso (media del 3,3%), poiché si prevede un rallentamento globale nella crescita della domanda di importazioni. Per le esportazioni si prevede che l’America Latina e l’Europa aumenteranno le vendite sui mercati esteri.

Focus sull’America Latina

La pubblicazione di quest’anno contiene un capitolo speciale sull’America Latina e sui Caraibi, un’area che rappresenta il 14% della produzione globale e il 23% delle esportazioni mondiali di prodotti agricoli e ittici – quota che dovrebbe salire al 25% entro il 2028. Nonostante la notevole crescita, quest’area affronta sfide persistenti in termini di sicurezza alimentare, in quanto molte famiglie non possono permettersi gli alimenti di cui hanno bisogno. L’area è inoltre afflitta da crescenti sfide per le risorse naturali. Garantire un percorso più sostenibile e inclusivo per la futura crescita agricola dipenderà dagli sviluppi nei settori della nutrizione, della tutela sociale e ambientale e del supporto ai mezzi di sostentamento.