Corte di giustizia europea: italiani Mastroianni e Porchia nuovi giudici del Tribunale Ue

1868

ROMA, 22 LUGLIO – Roberto Mastroianni e Ornella Porchia sono stati nominati giudici della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, dai rappresentanti dei governi degli Stati membri. Il loro mandato inizierà il primo settembre 2019 per concludersi il 31 agosto 2025.
Nella stessa tornata lo svedese Nils Wahl è stato nominato giudice della Corte di giustizia per il periodo compreso tra il 7 ottobre 2019 e il 6 ottobre 2024. Sostituirà Carl Gustav Fernlund, in seguito alle dimissioni di quest’ultimo, a partire dal 7 ottobre 2019.
Tutte e tre le nomine sono state effettuate nell’ambito del rinnovo parziale della composizione del Tribunale conseguente alla scadenza del mandato di 23 giudici il 31 agosto 2019.

Porchia e Mastroianni

Ornella Porchia è professore ordinario di Diritto dell’Unione europea all’Università di Torino.
”Essere nominata giudice della Corte di giustizia dell’Unione Europea è una grande emozione, ma anche una grande responsabilità per il ruolo che andrò a ricoprire – ha commentato – Si tratta del coronamento di un percorso fortemente motivato, che per circa 30 anni mi ha visto impegnata nello studio dell’ordinamento dell’Unione europea. Sarà una nuova avventura, una sfida che mi consentirà di partecipare attivamente allo sviluppo e all’applicazione del diritto dell’Unione. I prossimi sei anni saranno anche un’occasione di apprendimento, anche perché un Professore non smette mai di imparare”.
Roberto Mastroianni è professore ordinario di Diritto dell’Unione europea all’Università di Napoli Federico II’, Facoltà di giurisprudenza. Insegna European Union Law all’Università LUISS Guido Carli di Roma e nei corsi di Master de droit de l’Union europèenne all’Università Paris II Pantheon-Assas. Dal 2015 svolge le funzioni di Capo dell’ufficio legislativo del Dipartimento per le politiche europee presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.