Covid: Greta Thunberg dona a COVAX 100 mila euro. OMS: grati, puntiamo su giovani attivisti

55
clima
Greta

GINEVRA, 20 APRILE –

@GretaThunberg – • 19h

About 1 in 4 people in high-income countries have received a COVID-19 vaccine, compared with just 1 in more than 500 in low-income countries. My foundation will donate €100000 to support COVAX to ensure a more equitable global COVID-19 vaccine.

Un photo Greta
Greta Thunberg

Con questo tweet Greta Thunberg, la giovane attivista svedese nelle battaglie per il clima, ha annunciato di aver donato 100.000 euro per promuovere gli sforzi globali per fornire vaccini COVID-19 a chiunque, ovunque, ne abbia bisogno.
Il contributo della sua fondazione all’OMS sosterrà lo strumento COVAX per fornire vaccini alle persone bisognose e giunge quando che i casi in tutto il mondo sono aumentati per l’ottava settimana consecutiva.
Parlando durante il briefing periodico dei media dell’OMS da Ginevra, ha esortato la comunità internazionale ad affrontare la “tragedia” dell’iniquità dei vaccini, descrivendo COVAX come la strada migliore per garantire un’equa distribuzione di questi farmaci e la via d’uscita dalla crisi globale.

Thunberg ha sottolineato i legami tra la pandemia e l’emergenza climatica.
“La scienza dimostra che in futuro, molto probabilmente sperimenteremo pandemie più frequenti e devastanti a meno che non cambiamo drasticamente i nostri modi di vivere e il modo di trattare la natura”, ha detto rilevando che “Non possiamo più separare la crisi sanitaria dalla crisi ecologica e non possiamo separare la crisi ecologica dalla crisi climatica. È tutto interconnesso”.UNHCR
Secondo Greta ”mentre il rapido sviluppo dei vaccini COVID-19 ha mostrato ciò che i paesi possono ottenere quando investono nella scienza, finora la maggior parte delle dosi sono andate a nazioni a reddito più elevato…..La comunità internazionale, i governi e gli sviluppatori di vaccini devono intensificare i loro sforzi  e affrontare la tragedia che è l’iniquità dei vaccini. Abbiamo gli strumenti per correggere questo grande squilibrio che esiste oggi in tutto il mondo nella lotta contro il COVID-19″, ha affermato.
Greta ha detto di ritenere ”assolutamente non etico” che le nazioni più ricche ora vaccinino i cittadini più giovani e sani “se ciò accade a spese delle persone a rischio e nei paesi a basso e medio reddito…L’equità dei vaccini è un test morale – ha concluso Greta –
“Oggi parliamo di mostrare solidarietà, eppure il nazionalismo vaccinale è ciò che gestisce la distribuzione dei vaccini”.

Il capo dell’Organizzazione dell’Onu Tedros Ghebreyesus ha ringraziato Greta a sua volta con un tweet:

Tedros Ghebreyesus

@DrTedros •16h
.
@GretaThunberg, thank you for your superb advocacy for #ClimateAction
and now for #VaccinEquity. @WHO is grateful for your generosity in donating €100000 to
@thewhof in support of #COVAX – these funds will help save lives.

Tedros ha poi diffuso alcuni dati sull’andamento della pandemia: gli oltre 5,2 milioni di casi segnalati in tutto il mondo rappresentano il massimo in una sola settimana; i decessi sono aumentati anche per la quinta settimana consecutiva, per un totale di oltre tre milioni.
“Ci sono voluti 9 mesi per raggiungere 1 milione di morti; 4 mesi per raggiungere i 2 milioni e 3 mesi per raggiungere i 3 milioni”, ha detto Tedros. “I grandi numeri possono paralizzarci, ma ognuna di queste morti è una tragedia per le famiglie, le comunità e le nazioni. Infezioni e ricoveri tra persone di età compresa tra i 25 e i 29 anni stanno aumentando a un ritmo allarmante a causa di varianti altamente trasmissibili e all’aumento della socializzazione tra le persone”.
Mobilitazione globale dei giovani
Un’iniziativa sostenuta dall’OMS lanciata lunedì darà ai giovani attivisti di tutto il mondo la possibilità di richiedere finanziamenti per sostenere soluzioni innovative per affrontare l’impatto della pandemia. La Mobilitazione Globale della Gioventù mira a sfruttare l’esperienza, la creatività e la passione dei giovani, informare le politiche e le decisioni che influenzano la loro vita. Secondo studi concordanti milioni di giovani continuano a sentire la tensione della pandemia. Il novanta per cento ha riportato un aumento dell’ansia, ha detto l’OMS, mentre la chiusura delle scuole ha avuto un impatto su oltre un miliardo di studenti.
La piattaforma è guidata dalle sei più grandi organizzazioni giovanili del mondo, come scout e girl guides, che coinvolgono più di 250 milioni di giovani in tutto il pianeta.
Tra le questioni chiave che saranno affrontate ci sono l‘interruzione dell’istruzione, gli impatti sulla salute mentale, la perdita di posti di lavoro, il dolore, la solitudine e la violenza di genere.