Il “soft power” italiano al centro della conferenza degli ambasciatori a Roma

761

ROMA, 18 LUGLIO – Europa, Mediterraneo, cooperazione, sfide della globalizzazione, tutela dei connazionali all’estero e soprattutto il “soft power” italiano: questi i temi della tredicesima Conferenza degli ambasciatori e delle ambasciatrici d’Italia che si aprirà alla Farnesina mercoledì 24 luglio alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Sergio Mattarella

La Conferenza, dal titolo “La Politica Estera Italiana verso l’Orizzonte 2030 tra continuità e cambiamento”, durerà tre giorni. Come per gli altri appuntamenti nel passato, vi parteciperanno cento Capi delle missioni diplomatiche dell’Italia nel mondo, compresi i rappresentanti presso le Nazioni Unite. Secondo la Farnesina, sarà un’occasione di confronto e riflessione affinché il Ministero, grazie alla sua vastissima rete diplomatica, possa rappresentare sempre di più un valore aggiunto per la sicurezza e la crescita di tutto il Sistema Paese.

Oltre a Mattarella, interverranno il premier Giuseppe Conte, il ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi, e il segretario generale della Farnesina, l’ambasciatrice Elisabetta Belloni.

OI, 18-7-2019