Intesa FAO e Croce Rossa per misure preventive in Fase 2

743

ROMA, 27 MAGGIO – Si è svolta oggi la cerimonia virtuale di firma del protocollo d’Intesa tra Fao e Croce Rossa Italiana per le misure preventive del sistema Onu in Italia nella fase 2 dell’emergenza Covid-19. Lo rende noto la Farnesina.

La Croce Rossa fornirà al sistema Onu in Italia la sua assistenza tecnica per rafforzare le misure necessarie a impedire un possibile riverbero della diffusione della pandemia, mettendo in sicurezza il personale che svolge la sua attività lavorativa presso le strutture. Presenti alla cerimonia, le Vice Ministre Marina Sereni e Emanuela Del Re che hanno ringraziato Fao e Cri per l’opera e il sostegno avuti durante la crisi in atto.

Sereni ha evidenziato come la firma odierna “rappresenta simbolicamente la strettissima collaborazione tra l’Italia e il sistema delle Nazioni Unite, come anche il rafforzamento tra due organizzazioni, Fao e Croce Rossa, nate entrambe per servire l’umanità, dando protezione e assistenza alle vittime dei conflitti e della fame”. Già dal 3 marzo, preoccupata delle ripercussioni di una crisi prodotta dalla diffusione del Coronavirus, l’Italia aveva proposto
la creazione di una Fao Covid-19 Food Coalition per rispondere
efficacemente alle criticità che si sarebbero potute manifestare
in alcune aree del mondo in seguito alla pandemia. Un numero inaspettato di Stati ha dato risposta positiva a questa proposta, tra cui Stati Uniti e Cina. “Molto presto la Fao convocherà il primo incontro tra i Paesi membri interessati”, ha annunciato Sereni.

In relazione alla Food Coalition, la Vice Ministra Del Re, che ha chiuso la cerimonia, ha espresso l’aspettativa che l’esercizio potrà fornire sostegno politico, promuovendo innovazione e stabilendo uno spazio per il dialogo. “Solo mettendo insieme tutti i soggetti interessati, saremo capaci di aiutare i paesi a riprendere il cammino verso gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”. Del Re ha quindi riaffermato la
convinzione che “un multilateralismo efficace è quel che serve per raggiungere il nostro obiettivo della pace e della sicurezza globali. L’Italia, quale Paese ospite della Fao, è sempre stata una convinta sostenitrice del multilateralismo. Riconoscendo l’importanza del lavoro comune e abbattendo i pregiudizi, abbiamo sempre promosso un approccio integrato alla cooperazione allo sviluppo.” (@OnuItalia)