Italia con UNIDO e Illycaffe per produzione caffe’ sostenibile in Mozambico

390

VIENNA, 25 GENNAIO – Una partnership privato-pubblica tra UNIDO, Italia e Illycaffe e’ stata firmata a Vienna nel corso della visita al polo internazionale nella capitale autriaca del Direttore General per la Cooperazione Giorgio Marrapodi. Anna Illy ha sottoscritto l’accordo per conto del gigante del caffe’. Obiettivo e’ la promozione di caffe’ sostenibile in Mozambico.

“La competenza di UNIDO nell’analisi e il miglioramento della catena di valore nel settore dell’agribusiness e’ essenziale per migliorare la performance dei paesi in via di sviluppo, ha detto Marrapodi nel corsodella firma di progetti da 4,5 milioni di dollari che, oltre al Mozambico, investono la Tunisia.

In Tunisia in particolare l’Italia finanziera’ la seconda fase del programma “Promoting Women Empowerment in the Mena Region” attuato dall’UNIDO e la cui prima fase e’ stata finanziata dalla Cooperazione. L’Italia e’ uno dei maggiori donatori di UNIDO e come tale ha sostenuto da tempo una partnership strategica per promuovere uno sviluppo industriale inclusivo e sostenibile nell’Africa settentrionale e subsahriana e il Medioriente.

Marrapodi , che e’ rientrato oggi a Roma, ha avuto incontri, oltre che all’UNIDO, all’Aiea, l’Agenzia internazionale dell’Energia Atomica e all’Unodc (l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine), tutte organizzazioni internazionali con base nella capitale austriaca. Accompagnato dalla Rappresentante Permanente all’Onu di Vienna, Maria Assunta Accili, il Direttore della Cooperazione ha avuto un fruttuoso contatto alla sede FAO/AIEA a Seibersdorf dove gli sono stati illustrati i modi in cui la tecnologia nucleare puo’ essere usata per lo sviluppo sostenibile.

L’UNIDO (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale) è l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite per la promozione dello sviluppo industriale, la riduzione della povertà, la globalizzazione inclusiva e sostenibilità ambientale. (@OnuItalia)