Libia: Conte e Guterres “fortemente preoccupati”, Italia appoggia mediazione Onu

496

ROMA, 6 APRILE – “Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha avuto stamani una conversazione telefonica con il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Il Presidente Conte ha espresso la sua preoccupazione per gli ultimi sviluppi in Libia, preoccupazione fortemente condivisa da Guterres che ha da poco lasciato il Paese libico al termine di diversi incontri, tra cui quello con Haftar”. E’ quanto si legge in una nota della presidenza del Consiglio.

Conte ha ribadito il forte sostegno italiano al processo di transizione politica guidato dalle Nazioni Unite, considerato il percorso più efficace e sostenibile per giungere alla definitiva pacificazione e stabilizzazione del Paese a beneficio dell’intero popolo libico: “Il Presidente Conte e il Segretario Generale Guterres rimarranno in stretto raccordo nei prossimi giorni. La ripresa di un effettivo dialogo tra le parti rimane l’obiettivo condiviso dalla Comunità internazionale”, si legge nella nota.

L’Italia punta dunque sull’Onu per mediare  la crisi libica ormai divenuta conflitto bellico fra il generale Khalifa Haftar, all’attacco della capitale, e il premier Fayez al Sarraj, assediato in città. Nonostante gli scontri, da Tripoli l’inviato speciale delle
Nazioni Unite per la Libia ha sostenuto che, sebbene sia “difficile”, si tenta ancora di tenere la conferenza nazionale sulla Libia a Ghadames per il 14-16 aprile. Di Libia, come ha riferito il ministro degli Affari Esteri Enzo Moavero Milanesi, si é occupato anche il G7 svoltosi in Bretagna dove Francia e Italia si sono trovate “assolutamente d’accordo nel fare un appello” per “una soluzione che non preveda interventi militari”, ha riferito il capo della Farnesina. (@OnuItalia)