Maurizio Massari nominato Rappresentante Permanente all’Onu

50

ROMA, 29 APRILE – Maurizio Massari, da Bruxelles al Palazzo di Vetro. Il Consiglio dei Ministri riunito oggi a Palazzo Chigi ha approvato un movimento diplomatico riguardante 19 sedi italiane all’estero tra cui la nomina del nuovo Rappresentante Permanente alle Nazioni Unite.

Massari, fino a qualche giorno fa rappresentante italiano alla Ue, prendera’ il posto di Mariangela Zappia, nominata in marzo Ambasciatrice a Washington. Tra le altre nomine annunciate oggi, per le quali, con l’eccezione di quella all’Onu, e’ previsto il gradimento del governo interessato, c’e’ quella di Giorgio Starace che in autunno subentrera’ a Mosca a Pasquale Terracciano.

In marzo l’importante sede di Berlino era stata affidata all’ambasciatore a Washington Armando Varricchio, mentre la rappresentanza europea a Bruxelles era stata assegnata all’ex consigliere diplomatico dell’ex premier Giuseppe Conte, Piero Benassi.

Napoletano, laureato in Scienze politiche presso l’Università Orientale, Massari e’ entrato in diplomazia a metà anni ’80. A Mosca fino al 1990 è stato responsabile per la stampa e la politica interna sovietica. Ha lavorato poi a Londra nel settore economico-commerciale e delle politiche europee.

Consigliere politico a Washington durante il secondo mandato dell’amministrazione Clinton, ha successivamente collaborato negli anni 1996 e 1997 al negoziato sulla revisione del Trattato di Maastricht. Dal 2003 al 2006, dopo il ritorno in Italia, è stato ambasciatore per l’Osce in Serbia e Montenegro, e dal gennaio 2012 inviato Speciale per il Mediterraneo e il Medioriente. Nel 2013 e’ stato nominato Ambasciatore in Egitto. Ha lasciato il Cairo per Bruxelles nel 2016 prendendo il posto di Carlo Calenda. (@OnuItalia)