Med2020: multilateralismo come risposta a crisi nel Mediterraneo

161

NEW YORK/ROMA, 19 NOVEMBRE – Il multilateralismo come risposta alle crisi nel Mediterraneo: questo il titolo dell’incontro virtuale promosso dalla Rappresentanza Permanente italiana alle Nazioni Unite a New York e dal think tank International Crisis Group.

Aperto dal Presidente dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI), Gianpiero Massolo, e dal Presidente dell’International Crisis Group, Robert Malley, l’evento ha offerto un momento di riflessione in preparazione dei Mediterranean Dialogues 2020, l’appuntamento annuale organizzato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dall’ISPI, la cui sesta edizione “Beyond Covid: navigating solutions for post-pandemic times” si aprirà il prossimo 25 novembre.

“I Med Dialogues sono nati per contribuire alla definizione di un’agenda positiva per il Mediterraneo allargato, obiettivo oggi reso ancora più urgente dalle sfide poste dall’emergenza pandemica e dalla ricostruzione post-Covid. Il sistema multilaterale, di cui le Nazioni Unite costituiscono il pilastro centrale, rappresenta uno strumento fondamentale con cui affrontare la complessità delle crisi che attraversano questa regione,” ha detto l’Ambasciatrice Mariangela Zappia, Rappresentante Permanente italiana all’ONU, introducendo la conversazione e evidenziando come “rivalità strategiche si riflettano oggi sui conflitti regionali e sulla capacità del sistema multilaterale, e in particolare del Consiglio di Sicurezza, di agire con rapidità ed efficacia. L’impatto della pandemia costituisce un ulteriore banco di prova per l’azione multilaterale. Non mancano tuttavia segnali incoraggianti: gli Accordi di Abramo che aprono nuovi orizzonti di cooperazione nello scenario regionale, il processo di pace in Libia che sotto l’egida delle Nazioni Unite sta compiendo prudenti passi in avanti. Costruire un’agenda positiva per la regione significa anche cogliere le opportunità che in questa fase di profondo cambiamento si stanno schiudendo.”

Al seminario virtuale, hanno partecipato anche l’Under Secretary-General per gli Affari Politici dell’ONU Rosemary DiCarlo ed Enrico Letta, Rettore della Paris School of International Affairs, Science Po. Gli interventi del Generale di Divisione Stefano Del Col, Capo Missione e Comandante di UNIFIL in Libano, e dei Rappresentanti Permanenti all’ONU di Germania e Emirati Arabi Uniti, Christoph Heusgen e Lara Nusseibeh, hanno animato il panel conclusivo sulle prospettive di sicurezza nella regione. (@OnuItalia)