Missioni all’estero: avvicendamenti in Afghanistan e Somalia

475

HERAT/MOGADISCIO, 12 AGOSTO – Cambio della guardia tra unita’ italiane impegnate nelle missioni all’estero in Afghanistan e Somalia.  Ha avuto luogo ieri presso Camp Arena, sede del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), Comando NATO a guida italiana della missione in Afghanistan “Resolute Support” (RS), la cerimonia di avvicendamento tra il personale della 132ª Brigata corazzata “Ariete” al comando del Generale di Brigata Enrico Barduani, e il subentrante della Brigata alpina “Julia” al comando del Generale di Brigata Alberto Vezzoli.

Alla cerimonia, che si è svolta in forma ridotta, nel rispetto delle misure anti-covid, ha preso parte il Comandante di RS, Generale (USA) Austin Scott Miller che ha espresso la propria soddisfazione per il lavoro svolto dal contingente italiano e ha elogiato il Generale Barduani e tutti i militari della Brigata “Ariete” per i risultati ottenuti in otto mesi nelle attività di addestramento, consulenza e assistenza in favore delle istituzioni e delle Forze di Sicurezza afgane e per le numerose iniziative di cooperazione civile-militare condotte a sostegno della popolazione locale.

A Mogadiscio, presso l’International Campus sede della missione in Somalia EUTM-S, ha avuto luogo il 9 agosto la cerimonia di cambio del Comandante. Il Generale di Brigata Antonello De Sio ha ceduto le consegne al parigrado Fabiano Zinzone, dopo un intenso anno di attività reso particolarmente complesso dall’emergenza sanitaria.

Il Generale De Sio si è congratulato con tutto il personale e con i partner internazionali per il grande impegno dimostrato nei progetti a favore delle Istituzioni somale, esprimendo tutta la sua gratitudine nei confronti dei membri della Missione per il continuo sforzo nel processo di rinascita della Difesa somala, sottolineando l’importanza di continuare nel grande progetto di ricostruzione delle istituzioni in questo paese. La Missione EUTM Somalia, attraverso le attività di Advising, Training e Mentoring svolte a favore del personale del Ministero della Difesa, dello Stato Maggiore della Difesa e delle figure chiave dell’Esercito Nazionale Somalo (SNA), contribuisce allo sviluppo delle capacità di controllo dell’intero territorio ed al contestuale rafforzamento delle condizioni di sicurezza del Paese. (@OnuItalia)