OMS, virus lontano dall’essere scomparso, ma si può cominciare a essere ottimisti

42
Tedros Ghebreyesus

GINEVRA, 13 APRILE – Nuove esortazioni a tenere alta la guardia contro la pandemia, ma anche qualche motivo in più per essere ottimisti: in capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha spiegato nel consueto briefing con i media che il COVID-19 è “molto lontano dall’essere alle spalle ma ci sono molte ragioni per essere ottimisti ed è possibile che la pandemia possa essere messa sotto controllo “entro pochi mesi”.
Anche se gennaio e febbraio hanno visto sei settimane consecutive di crollo dei casi di COVID-19, il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che marzo al contrario si è caratterizzato per un numero più alto di casi.
“Ora abbiamo visto sette settimane consecutive di casi crescenti e quattro settimane di decessi crescenti”, ha detto. Più di 780 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate a livello globale, ma diversi paesi asiatici e mediorientali hanno visto un grande aumento delle infezioni. Pur riconoscendo che i vaccini sono strumenti “vitali e potenti“, il capo dell’OMS ha ribadito che non sono gli unici strumenti necessari per sconfiggere il coronavirus.
“Il distanziamento fisico funziona. Le mascherine funzionano. L’igiene delle mani funziona. La ventilazione funziona. Sorveglianza, test, tracciamento dei contatti, isolamento, quarantena di supporto e cure compassionevoli: lavorano tutti per fermare le infezioni e salvare vite umane“, ha sottolineato Tedros.
Pur sottolineando la necessità di “un approccio coerente, coordinato e globale” nella lotta contro il virus, Tedros ha affermato che “la confusione, l’autocompiacimento e l’incoerenza nelle misure di salute pubblica e nella loro applicazione stanno aggravando la trasmissione e costando vite umane”.
L’OMS vuole che le società e le economie riaprano, e che i viaggi e il commercio riprendano, mentre si assiste a unità di terapia intensiva traboccanti e a persone che continuano a morire; e tutto questo “è totalmente evitabile”. Le comprovate misure di salute pubblica e i sistemi forti che hanno permesso ai paesi di rispondere in modo rapido e coerente, dicono che il COVID “può essere fermato e contenuto….quelle nazioni sono ora in grado di godersi eventi sportivi, concerti, ristoranti in sicurezza.
Aumentare la produzione di vaccini
Attualmente, la produzione globale non è sufficiente per fornire vaccini rapidi ed equi e altri prodotti sanitari essenziali, secondo il capo dell’OMS. All’inizio della pandemia, i paesi africani hanno concordato un approccio continentale coordinato, “e ora si stanno unendo per un approccio coordinato per aumentare la produzione”, ha detto.
Tedros ha sottolineato l’importanza di investire in “capacità produttive nazionali sostenibili e sicure e autorità nazionali di regolamentazione“, e ha affermato che “ciò che si può fare oggi, dovrebbe essere fatto oggi”.
Notando che l’OMS e i suoi partner hanno istituito una task force di produzione COVAX, per aumentare l’offerta e costruire una piattaforma di produzione di vaccini sostenibile, ha offerto l’assistenza tecnica dell’agenzia delle Nazioni Unite per valutare la fattibilità della produzione locale e per accedere alla tecnologia e al know-how.
Scelte sbagliate
Nonostante la trasmissione non si sia fermata, alcuni paesi stanno riaprendo ristoranti, locali e mercati al coperto, con u numero troppo esiguo di persone che prendono precauzioni. Inoltre alcuni giovani sembrano non preoccuparsi dell’infezione.
“Giovani e molte persone sane sono morti. E ancora non comprendiamo appieno le conseguenze a lungo termine dell’infezione per chi sopravvive”, ha ricordato, facendo eco alle segnalazioni di alcuni casi lievi che hanno lasciato sintomi a lungo termine, tra cui affaticamento, debolezza e ansia.
Ottimismo
Ma Tedros ha contestualmente  sottolineato il declino dei casi e dei decessi durante i primi due mesi dell’anno come prova che il virus e le sue varianti possono essere fermati.
“Con uno sforzo concertato per applicare misure di salute pubblica insieme a una vaccinazione equa e ben distribuita, potremmo mettere sotto controllo questa pandemia nel corso di pochi mesi….Tuttavia questo dipende dalle decisioni e dalle azioni che governi e individui adottano ogni giorno, in breve la scelta è nostra“.