OMS a Italia: grazie per forte apoggio a #HealthforAll, campagna contro NCD

226

GINEVR, 18 GENNAIO – “Grazie Italia” per il “forte appoggio accordato dal governo all’agenda Salute per Tutti dell’OMS e in particolare alle sue campagne per la lotta alle malattie non trasmissibili (NCD)”. Lo ha ribadito a Ginevra il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale pr la Sanita’, Tedros Adhanom Gebreyesus, nel corso di un incontro con la Segretario Generale della Farnesina Elisabetta Belloni.

L’incontro tra Dr. Tedros e la Belloni al quartier generale dell’OMS e’ servito a mettere in luce “la forte collaborazione tra l’agenzia dell’Onu  e l’Italia e a uno scambio di idee su come meglio far avanzare l’agenda per la salute globale”, ha indicato la Rappresentanza Permanente italiana presso le Organizzazioni Internazionali di Ginevra su Twitter. Con la Belloni ha partecipato all’incontro il Rappresentante Permanente italiano presso le OOII di Ginevra, Gian Lorenzo Cornado.

La campagna contro le NCD sono uno dei punti al centro dell’agenda OMS. Secondo l’agenzia diretta da Dr. Tedros, le malattie non trasmissibili uccidono globalmente quasi 41 milioni di persone all’anno, pari a sette morti su dieci. 17 milioni di queste morti sono considerate premature, per esempio sotto i 70 anni. Lo scorso 13 dicembre a New York l’Assemblea Generale ha adottato una risoluzione su salute globale e nutrizione che chiede agli Stati Membri a promuovere “diete e stili di vita sani, inclusa attività fisica, attraverso azioni e politiche per porre in atto tutti gli impegni legati alla nutrizione compresi quelli assunti dai Capi di stato e Governo nei vertici sulle malattie non trasmissibili e dall’Oms” tenutosi al Palazzo di Vetro a fine settembre.

Nella risoluzione di dicembre non si menzionano “cibi nocivi”, etichette a fronte pacco e maggiori tassazioni su alimenti ad alto contenuto di zucchero, grassi e sale. Grazie agli sforzi profusi dai partner del Gruppo di Amici della Dieta Mediterranea nel documento adottato a New York e’ stato inserito un paragrafo specifico sulla tutela delle diete tradizionali: un riconoscimento dei valori nutrizionali della dieta mediterranea riconosciuta dall’UNESCO tra i patrimoni dell’umanità. (@OnuItalia)