R2P: Zappia, prevenzione e azioni precoci sono essenziali

592

NEW YORK 27 GIUGNO – Il principio di una responsabilità condivisa per proteggere popolazioni da genocidio, pulizia etnica, crimini contro l’umanità e crimini di guerra deve continuare a ispirare la nostra azione mentre affrontiamo una generale erosione del rispetto del diritto internazionale, ha detto la Rappresentante permanente d’Italia alle Nazioni Unite, Ambasciatrice Mariangela Zappia, nel suo intervento alla riunione plenaria dell’Assemblea generale sulla R2P. “Il Consiglio di sicurezza ha una chiara responsabilità in questo senso”, ha aggiunto l’Ambasciatrice.

La responsabilità di proteggere (R2P o RtoP) è un impegno politico globale approvato da tutti gli stati membri delle Nazioni Unite nel 2005 per affrontare le sue quattro preoccupazioni chiave per prevenire il genocidio, i crimini di guerra, la pulizia etnica e i crimini contro umanità. La R2P stabilisce tre pilastri di responsabilità: ogni stato ha la responsabilità di proteggere le proprie popolazioni da quattro crimini di atrocità di massa: genocidio, crimini di guerra, crimini contro l’umanità e pulizia etnica; la comunità internazionale ha la responsabilità di incoraggiare e assistere i singoli stati nell’assolvere tale compito; ma se uno stato non riesce a proteggere le sue popolazioni, la comunità internazionale deve essere pronta a intraprendere azioni collettive appropriate, in modo tempestivo e decisivo e in conformità con la Carta delle Nazioni Unite. Il Consiglio di sicurezza ha invocato la R2P in oltre 65 risoluzioni dal 2006. Il Consiglio per i diritti umani lo ha fatto in 30 risoluzioni.

La prevenzione e l’azione precoce sono essenziali.

“Dobbiamo attuare questo principio rafforzando lo stato di diritto e garantendo la responsabilità per i crimini di atrocità sostenendo il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare l’SDG 16 (pace, giustizia e istituzioni forti), ma anche assicurando mezzi di sussistenza adeguati, dal momento che il rischio economico è uno dei principali fattori scatenanti di atrocita'”, ha affermato l’Ambasciatrice Zappia.

Affrontare le cause profonde di tali crimini è parte della soluzione: “Ecco perché vediamo un grande merito in una strategia trasversale che collega le diverse agende delle Nazioni Unite, dalla protezione dei civili alle donne, dalla pace alla sicurezza, dallo sviluppo sostenibile alla più ampia agenda per i diritti umani e al mantenimento della pace “, ha detto la Rappresentante Permanente italiana.

In chiusura, l’Ambasciatrice ha assicurato che l’Italia continuera’ a fare la sua parte come un forte sostenitore della R2P nel Consiglio di sicurezza e come ex presidente del gruppo di amici R2P. “In qualità di principale contributore occidentale  al peacekeeping, riteniamo che un’efficace protezione dei civili richieda truppe adeguatamente addestrate, attrezzature adeguate e un forte impegno politico. Dal 2005, attraverso il Centro di eccellenza per le unità di polizia di stabilità a Vicenza, COESPU, abbiamo addestrato più di 10.000 unità di personale di polizia, molte delle quali schierate in operazioni di mantenimento della pace in Africa “.

L’Italia si è anche unita al Circle of Leadership contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale lanciato dal Segretario Generale Antonio Guterres ed è il maggiore contributore al Fondo fiduciario di sfruttamento e abusi sessuali delle Nazioni Unite. L’Italia ha nominato un Focal Point nazionale R2P e incoraggia tutti gli Stati membri e le organizzazioni regionali a fare lo stesso, mentre, alla fine di maggio, ha ospitato una conferenza a Roma sull’SDG 16 in preparazione del prossimo Forum politico ad alto livello. (@OnuItalia)