Salute animale e salute globale: Di Stefano incontra Direttrice generale OIE

70

ROMA, 18 MARZO – Si rafforza l’impegno italiano nella lotta alle malattie di origine animale. Il sottosegretario agli esteri Manlio Di Stefano ha ricevuto alla Farnesina Monique Eloit, la Direttrice generale dell’OIE, l’organizzazione mondiale per la salute animale.

Durante l’incontro sono stati affrontati i temi interconnessi della prevenzione, preparazione e risposta alle sfide alla salute globale derivanti dal mondo animale (zoonosi) e della vigilanza sul commercio internazionale di prodotti animali in ragione dell’impatto sulla sicurezza degli alimenti e la salute umana.

Eloit e Di Stefano hanno valutato positivamente la recente apertura a Palermo di un Ufficio della Rete Mediterranea della Salute (REMESA) facente capo a OIE e FAO, che rafforzerà la vigilanza sulla salute animale nell’area mediterranea aggiungendo un importante tassello alla collaborazione regionale.

“Dobbiamo guardare al pianeta con uno sguardo olistico – ha dichiarato Di Stefano – considerando ambiente, biodiversità, salute umana e animale sui piatti della stessa bilancia. Per questo l’Italia vede con favore l’approccio ‘One Health’ promosso dall’OIE, e intende innalzare il livello di attenzione e responsabilità degli Stati proprio durante la Presidenza del G20, approfondendo, nella dimensione multilaterale, le interconnessioni tra salute umana e animale. Crediamo infatti che in un contesto così fortemente globalizzato, come ci ha pienamente dimostrato la pandemia di Covid-19, non si possa più distinguere tra le due cose. L’Italia, come sempre, vuole essere un modello di buone pratiche per il mondo intero.”

L’OIE è l’organizzazione intergovernativa responsabile del miglioramento della salute degli animali in tutto il mondo. Con sede a Parigi, e’ stata istituita il 25 gennaio 1924, in seguito a unun contagio in Belgio di peste bovina proveniente da zebù importati dall’India e destinati al Brasile. Il nome originale era International Office of Epizootics e l’organizzazione conserva tuttora l’acronimo originale OIE.

OIE e’ riconosciuta come organizzazione di riferimento dall’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) e mantiene relazioni permanenti con 35 altre organizzazioni internazionali e regionali. Nel 2018 raccoglieva 182 paesi membri. (@OnuItalia)