Conferenza sulle Smart Cities ad ESOF2020 organizzata da UNIDO ITPO Italy

531
sviluppo sostenibile

TRIESTE, 8 SET – Nell’ambito dell’EuroScience Open Forum 2020 – ESOF2020 è stata organizzata da UNIDO ITPO Italy la conferenza ”Sensing and Shaping Smart Cities in the Post-COVID Era”. L’appuntamento si è svolto all’interno del progetto ‘Innovation Bridge Trieste – Dubai 2020′ finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia, al fine di promuovere soluzioni innovative per reinterpretare e riprogettare ambienti urbani in seguito all’epidemia Covid-19. L’evento si è svolto in formato ibrido e si è tenuto sia fisicamente a Trieste, città che ha ospitato ESOF2020 nonchè Città Europea della Scienza 2020, sia tramite streaming online.

La conferenza è stata moderata da Sandra Sodini, Direttrice del Servizio Relazioni Internazionali e Programmazione Europea della Regione Friuli Venezia Giulia, e ha visto la partecipazione di vari esperti in ambito urbanistico. Carlos Moreno, Direttore Scientifico e Co-Fondatore della cattedra ‘Entrepreneurship Territory Innovation’ e Professore Associato presso l’Università Paris 1 Panthéon-Sorbonne, ha introdotto il proprio concetto innovativo di ‘Città di 15 Minuti’; Giulio Bernetti, Direttore del Dipartimento Territorio Economia Ambiente Mobilità presso il Comune di Trieste, ha presentato i progetti di manutenzione e sviluppo urbano per la tutela degli ambienti locali; infine Raymond Tavares, Innovation and Digitalization Division Officer di UNIDO, con

Trieste

modelli di successo per ottimizzare la sostenibilità del settore manifatturiero e degli ecosistemi urbani nei paesi in via di sviluppo. Tutti i relatori hanno evidenziato l’importanza di adottare un innovativo approccio che possa garantire uno sviluppo urbano sostenibile, per fare fronte alle sfide poste alla società dal Covid-19 nel lungo periodo e alle gravi ripercussioni sugli ambienti urbani. Sarà necessario riadattare spazi tradizionali ed aggiornare le infrastrutture già esistenti tramite le nuove tecnologie digitali offerte dall’Industria 4.0, in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e l’Agenda 2030 promossa dalle Nazioni Unite.