Stazione spaziale cinese ospiterà 9 esperimenti provenienti da 17 paesi, annuncio a lavori UNOOSA

692

VIENNA, 20 GIUGNO – La stazione spaziale cinese ospiterà 9 progetti scientifici internazionali provenienti da 17 Paesi: lo hanno annunciato a Vienna l’Agenzia spaziale cinese e l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari dello spazio extra-atmosferico (Unoosa) i cui lavori si concludono domani.
E’ la prima volta che una missione spaziale cinese ha invitato tutti i membri dell’ONU a condurre esperimenti, e Lin Xiqiang, vicedirettore dell’agenzia, l’ha definita ”una pietra miliare nel progresso del programma spaziale con equipaggio cinese”, aggiungendo che ”l’Agenzia spaziale cinese ha intenzione di aderire ai principi di uguaglianza, benefici reciproci e sviluppo comune e continuare scambi”.

A Vienna sono stati annunciati contestualmente alla sessantaduesima sessione dei lavori dall’UNOOSA i vincitori del concorso che sono sei mentre altri tre sono per il momento in stand by. Le istituzioni premiate provengono da diverse nazioni, fra cui Italia,  Belgio, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Kenya, Olanda, Norvegia, Messico, Polonia, Perù, Federazione Russa, Arabia Saudita, Spagna e Svizzera.

In molti casi più nazioni hanno concorso allo stesso progetto. Le aree di ricerca proposte includono la medicina spaziale, le scienze della vita nello spazio, le biotecnologie, la fisica dei fluidi in microgravità, la combustione in microgravità, l’astronomia e le tecnologie spaziali.

LA SELEZIONE

L’opportunità era stata annunciata nel maggio del 2018 ed era aperta a tutti gli Stati Membri delle Nazioni Unite, con una particolare considerazione data alle nazioni in via di sviluppo. Nei mesi seguenti sono state presentate 42 richieste da organizzazioni di 27 nazioni. Queste richieste sono state vagliate attentamente da un team di circa 60 esperti dell’UNOOSA, della CMSA e della comunità spaziale internazionale. Sono stati cosi individuati 18 progetti che hanno ricevuto un’approfondita revisione in termini di schema tecnico, di possibilità di implementazione, delle richieste di risorse di bordo, delle analisi sui rischi e sulla sicurezza e del supporto finanziario.
Come risultato di questo processo di selezione, nove esperimenti sono stati individuati per entrare nei processi di preparazione e di implementazione, di cui sei a pieno titolo, mentre tre sono in stand by. Pertanto i vincitori avranno la possibilità di avere reale accesso allo spazio facendo volare i propri esperimenti sulla CSS, sviluppando le proprie capacità nelle scienze e nelle tecnologie spaziali per intenti pacifici.