OMS chiede volo umanitario della Cooperazione italiana per il Sudan

779

ROMA, 24 GIUGNO – Nuovo intervento della Cooperazione italiana in favore del Sudan uno dei numerosi paesi africani devastati dalle violenze: la vice ministra agli Esteri e Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re, ha disposto la partenza dalla Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD) di Brindisi di un volo della Cooperazione Italiana, con un carico umanitario di circa 10 tonnellate di farmaci e kit medico-sanitari per la capitale Khartoum.

L’operazione risponde alla richiesta di sostegno rivolta al nostro Paese da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il cui personale è attivamente impegnato sul terreno nelle attività di assistenza sanitaria ai numerosi feriti a seguito delle recenti violenze a Khartoum.

L’invio del volo umanitario vuole dare una risposta concreta ai gravi bisogni che registrano le strutture ospedaliere sudanesi, ha affermato l’ Ambasciatore Fabrizio Lobasso. Le condizioni sono drammatiche, le strutture continuano a subire una forte pressione e il personale medico sanitario è stato messo a dura prova sia per il numero di casi trattati sia per l’ esaurimento delle scorte di medicinali e presidi medici, ha sottolineato l’Ambasciatore precisando che il materiale medico sanitario permetterà agli ospedali sudanesi di fare fronte – quanto meno nel breve periodo – alle necessita di carattere chirurgico e traumatologico.

La Rappresentante del WHO in Sudan – Naeema Al Gasser – da parte sua ha tenuto a sottolineare l’ ottimo e consolidato rapporto di collaborazione tra l’ Agenzia UN e la Cooperazione Italiana. Grazie a questo volo umanitario – ha aggiunto – potremo rifornire i principali ospedali della capitale e nei tre stati del Sudan in collaborazione con il Ministero della Salute Sudanese. (@OnuItalia)