30 Ottobre 2020
Home Brindisi Sudan: esondazioni Nilo; volo Cooperazione Italiana atterra a Khartoum

Sudan: esondazioni Nilo; volo Cooperazione Italiana atterra a Khartoum

246

KHARTOUM, 24 SETTEMBRE – E’ atterrato oggi a Khartoum un volo umanitario della Cooperazione Italiana partito dalla Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite (UNHRD) di Brindisi con un carico di quasi 10 tonnellate di beni di prima assistenza e soccorso destinati a sostenere la popolazione colpita dall’emergenza esondazioni nel Paese, che ha provocato oltre 100 morti, decine di feriti, e circa mezzo milione di sfollati.

La spedizione umanitaria, organizzata su impulso della Vice Ministra Del Re, risponde alla richiesta di sostegno pervenuta dalle Autorità sudanesi attraverso l’attivazione del Meccanismo Europeo di Protezione Civile, strumento di coordinamento degli aiuti all’estero tra Unione europea e Stati membri, ed è stata realizzata grazie alla collaborazione del Dipartimento della Protezione Civile.

Le forti alluvioni hanno causato l’esondazione del Nilo con conseguenze gravi per 17 stati su 18 con oltre 650.000 persone colpite di cui circa il 43% negli stati di Khartoum, Nord Darfur e Sennar e il collasso di più di 110.000 abitazioni. Gli aiuti italiani comprendono coperte, tende famigliari, cucina e latrine da campo, zanzariere e serbatoi dell’ acqua da 10 litri.

“L’invio del volo umanitario vuole dare una risposta concreta allo Stato d’ Emergenza dichiarato dal Governo Sudanese per i prossimi 3 mesi”, ha affermato l’Ambasciatore italiano in Sudan Gianluigi Vassallo. Le condizioni sono drammatiche, c’è il pericolo della diffusione di gravi malattie quali watery diarrhea, malaria e tifo. A ciò si aggiunge la perdita di una stagione agricola, una scarsità di grano e un conseguente aumento dei prezzi, in un paese che soffre da anni di una crisi protratta, ha sottolineato l’Ambasciatore.

Il Direttore del Dipartimento Peace and Humanitarian Assistance del Ministero degli Esteri – Ambasciatore Hamad Hassan – ha tenuto a ringraziare l’Italia per il consolidato rapporto di collaborazione e per il prezioso carico che potrà essere distribuito nei prossimi giorni alla popolazione maggiormente colpita.

I beni verranno presi in carico dal Comitato Emergenza Alluvioni composto dal Ministero del Lavoro e Social Development e da HAC (Humanitarian Aid Coordinator) Ministero degli esteri e altre istituzioni del Governo Sudanese.(@OnuItalia)