La transumanza diventa patrimonio UNESCO: all’Italia il primato dell iscrizioni in ambito agro-alimentare

1111

BOGOTA’, 11 DICEMBRE – La transumanza ce l’ha fatta: la tradizionale pratica pastorale di migrazione stagionale del bestiame lungo i tratturi e verso condizioni climatiche migliori, è stata iscritta, all’unanimità, nella Lista Rappresentativa del Patrimonio culturale immateriale dell’Unesco durante il Comitato intergovernativo riunito a Bogotà in Colombia.

Dopo Trentino e Amatrice, Irpinia a Puglia con la decisione di oggi l’Italia acquisisce così il primato di iscrizioni in ambito rurale e agroalimentare, superando Turchia e Belgio.

Foto di Ben Lescure da Pixabay

La ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova e dell’Ambiente, Sergio Costa, hanno espresso grande soddisfazione per la decisione favorevole espresso dai 24 Paesi durante il Comitato intergovernativo in corso a Bogotà, in Colombia. Il riconoscimento riguarda tutta l’Italia, dalle Alpi al Tavoliere: le comunità indicate nel dossier come luoghi simbolici della transumanza sono diverse, tra cui i comuni di Amatrice (Rieti) da cui è partita la candidatura subito dopo il devastante terremoto, Frosolone (Isernia), Pescocostanzo e Anversa degli Abruzzi in provincia dell’Aquila, Lacedonia in Alta Irpinia in Campania, San Marco in Lamis e Volturara Appula (il paese del Premier Conte) in provincia di Foggia, insieme a territori della Lombardia, la Val Senales in Trentino Alto-Adige, e la Basilicata.

Secondo il dossier di candidatura presentato dall’Italia insieme a Grecia e Austria all’Unesco, i pastori transumanti hanno una conoscenza approfondita dell’ambiente, dell’equilibrio ecologico tra uomo e natura e dei cambiamenti climatici: si tratta infatti di uno dei metodi di allevamento più sostenibili ed efficienti. Oggi la transumanza è praticata soprattutto tra Molise, Abruzzo e Puglia, Lazio, Campania, e al Nord tra Italia e Austria nell’Alto Adige, in Lombardia, Valle d’Aosta, Sardegna e Veneto.

”E’ il decimo riconoscimento per l’Italia in questa lista – ha commentato il curatore del dossier di candidatura, Pier Luigi Petrillo – e ci porta il primato mondiale dei riconoscimenti in ambito agro-alimentare, dopo l’iscrizione nel Patrimonio Culturale Immateriale della Dieta Mediterranea, la Pratica della coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria, l’Arte del Pizzaiuolo napoletano, della tecnica dei muretti a secco e dei paesaggi vitivinicoli delle Langhe e del Prosecco”. (@Onuitalia)