In Africa i workshop di UNCTAD, aiutare le donne trader transfrontaliere a combattere la crisi covid-19

103

ROMA, 25 MARZO – L’UNCTAD  (la Conferenza delle Nazioni Unite su commercio e sviluppo) ha dotato le donne commercianti nelle zone di confine del Malawi, della Tanzania e dello Zambia delle informazioni e delle capacità imprenditoriali di cui hanno bisogno per sopravvivere e riprendersi dalla crisi. Sono stati almeno 131 i commercianti transfrontalieri su piccola scala, 120 dei quali donne, che hanno partecipato a workshop di formazione UNCTAD tenutisi nelle città di confine di Malawi, Tanzania e Zambia a febbraio. Sono stati organizzati come parte di un progetto multi-agenzia e hanno dotato i partecipanti  di informazioni sulle regole commerciali e sulle procedure doganali per aiutarli a navigare  anche in mezzo della pandemia.

Il progetto mira a rafforzare la resilienza delle micro, piccole e medie imprese nei paesi in via di sviluppo e nelle economie in transizione, migliorando la loro capacità di mitigare gli impatti economici e sociali del Covid. Ogni workshop ha incluso una sessione sulle misure in atto per contenere la pandemia durante il commercio transfrontaliero, facilitato da un funzionario sanitario di frontiera. Le sessioni hanno aiutato i commercianti a comprendere le misure sanitarie richieste dai loro paesi e quelle da cui provengono i loro prodotti.

I workshop sulle frontiere dell’UNCTAD prevedono una giornata di formazione sulle regole commerciali, i diritti e gli obblighi dei commercianti con cinque giorni di lavoro incentrati sulla costruzione di capacità imprenditoriali basate sulla metodologia Empretec,  programma di sviluppo delle capacità di punta dell’UNCTAD progettato per liberare il potenziale imprenditoriale personale. Durante i workshop, le presentazioni sulle norme commerciali transfrontaliere e sui diritti e gli obblighi dei commercianti hanno aperto gli occhi a molte donne commercianti che avevano optato per percorsi di attraversamento informali. Questi percorsi possono esporli a rischi per la salute, violenza, molestie, tangenti, multe elevate e confisca della loro merce se vengono catturati dalle autorità di frontiera. “Abbiamo contato più di 200 punti di ingresso non autorizzati lungo il nostro confine, utilizzati dai commercianti per aggirare i valichi ufficiali”, ha detto Ernest Daudi, un funzionario dell’immigrazione a Tunduma, in Tanzania.

Charity Chimphamba, una delle donne che hanno frequentato il workshop (foto Unctad)

“L’addestramento ha rimosso la mia paura di attraversare il confine attraverso passaggi ufficiali. Conoscere i miei diritti di trader mi aiuterà a potenziare la mia attività e formalizzarla”, ha dichiarato Tiyanjane Malunga, un altro trader in Malawi. Dopo l’addestramento, una delle donne ha detto di voler puntare più in alto. “In futuro, vorrei ordinare merci da fornitori tanzaniani online e diversificare le mie attività commerciali in agricoltura”, ha detto.

UNCTAD si impegna ad aiutare i trader a sopravvivere alla pandemia e a consentire loro di realizzare i loro sogni. “I piccoli commercianti transfrontalieri hanno più che mai bisogno di sostegno”, ha dichiarato Simonetta Zarrilli, che guida il programma dell’UNCTAD sul commercio e il genere. “Le misure e le restrizioni relative al COVID-19 rappresentano una sfida, ma i trader hanno dimostrato la loro resistenza, superando le probabilità di garantire il benessere delle loro famiglie”, ha detto. Zarrilli ha affermato che un maggiore sostegno può spingere i trader in vivaci attività micro-imprenditoriali con un potenziale significativo per contribuire ad alleviare la povertà, contribuire alla sicurezza alimentare e guidare una ripresa più forte dalla pandemia.