La lezione del Covid-19, per Unep occorrerà ‘ricostruire meglio’

323

ROMA, 13 MAGGIO – Per ridurre i rischi di future pandemie occorre ripristinare gli ecosistemi e la biodiversità perduti, combattendo i cambiamenti climatici e riducendo l’inquinamento”. Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) sta intensificando il lavoro sulla mappatura delle minacce zoonotiche, cioè delle malattie che si trasmettono dagli animali all’uomo, e sulla protezione dell’ambiente per ridurre il rischio di future pandemie, come il COVID-19.

Nel documento Working With the Environment to Protect People l’agenzia dell’Onu illustra come sta adeguando il proprio lavoro in risposta a COVID-19 attraverso il supporto di nazioni e partner per “ricostruire meglio” – attraverso una scienza più forte, politiche che sostengano un pianeta più sano e più investimenti verdi. La risposta dell’UNEP copre quattro aree: aiutare le nazioni a gestire i rifiuti COVID-19, fornire un cambiamento di trasformazione per la natura e le persone, lavorare per garantire pacchetti di ripresa economica che creino resistenza alle crisi future e modernizzare la governance ambientale globale. “Con il COVID-19, il pianeta ha dato un avvertimento: l’umanità deve cambiare”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’UNEP Inger Andersen. ”La chiusura delle economie è una risposta a breve termine a questo avvertimento. Non può durare. Le economie che lavorano con la natura sono fondamentali per garantire la prosperità delle nazioni del mondo”.

Per sostenere le nazioni nei loro sforzi per affrontare gli impatti socio-economici e ambientali di COVID-19, l’UNEP coordinerà il suo lavoro con il resto del sistema delle Nazioni Unite. Ad esempio:
• Supportare i decisori nell’affrontare il picco di rifiuti pericolosi – come i dispositivi di protezione individuale, elettronica e prodotti farmaceutici – in modo da non danneggiare ulteriormente la salute umana o l’ambiente;
• Un programma di rischio e risposta zoonotico per migliorare la capacità dei paesi di ridurre le minacce attraverso approcci positivi per la natura, compresa una nuova mappatura globale dei rischi derivanti dal commercio non regolamentato della fauna selvatica, dalla frammentazione dell’habitat e dalla perdita di biodiversità;
• Promuovere maggiori opportunità di investimento in natura e sostenibilità come parte della risposta alla crisi COVID-19, anche attraverso fondi esistenti che UNEP gestisce e pacchetti di stimolo economico che i paesi stanno pianificando;
• Raggiungere gli attori dell’economia reale per ricostruire, ampliare e accelerare il consumo e la produzione sostenibili e creare nuovi posti di lavoro verdi, compreso il raggiungimento di imprese attraverso partenariati con agenzie delle Nazioni Unite, finanza, governo e istituzioni del settore privato, e il rilancio dei mercati e delle catene di approvvigionamento di prodotti verdi e sostenibili;
• Rivedere le implicazioni del trasferimento della governance ambientale e del multilateralismo verso piattaforme di incontro virtuali, e quindi a impatto ambientale inferiore.
“L’idea che un fiorente mondo naturale sia essenziale per la salute umana, le società e le economie è sempre stata al centro del lavoro dell’UNEP”, ha detto Andersen. “Ma ora l’UNEP deve fornire un supporto ancora maggiore ai paesi per ridurre i rischi di future pandemie ripristinando gli ecosistemi e la biodiversità perduti, combattendo i cambiamenti climatici e riducendo l’inquinamento”.