UNESCO: Majella e Aspromonte entrano in rete Global Geoparks

52

PARIGI, 22 APRILE – Il Consiglio Esecutivo dell’UNESCO ha approvato ufficialmente la designazione dei geoparchi dell’Aspromonte e della Majella come UNESCO Global Geoparks, dopo il riconoscimento avvenuto nel dicembre 2020. Il numero dei Geoparchi italiani che fanno parte della Rete Mondiale sale cosi’ ora a 11.

La decisione, che riguarda otto parchi dalla Danimarca e la Finlandia alla Grecia, dall’Indonesia alla Germania e alla Polonia, arriva in coincidenza della Giornata della Terra e porta a 169 in 44 paesi il numero dei parchi parte della Global Geoparks Network.

La nascita del ‘Majella Geopark’, e’ stata possibile per l’elevata geodiversità del territorio, 95 geositi di cui almeno 22 di valore internazionale. Il cammino verso il riconoscimento era iniziato nel 2016. Per l’Aspromonte, la storia geologica di estremo rilievo ha permesso di avviare il percorso di candidatura all’Unesco nel 2017. L’ingresso nella rete mondiale dei Geoparchi Unesco consentirà al Geoparco Aspromonte di valorizzare il prezioso patrimonio: 8 geositi di rilevanza internazionale, 89 geositi censiti, le sue specificità culturali, identitarie e naturalistiche.

Il parco dell’Aspromonte, istituito nel 1989 in Calabria, comprende 37 Comuni e la provincia di Reggio Calabria e si estende per 65 milioni di ettari in una collocazione geografica unica, stretta tra Mar Ionio e Tirreno, che affaccia su panorami che abbracciano lo Stretto di Messina, l’Etna, le isole Eolie, i territori greci calabresi, il territorio di Locri e la Piana di Gioia Tauro. (@OnuItalia)