UNGA75: Del Re, Italia in prima linea contro malattie non trasmissibili

172

NEW YORK/ROMA, 24 SETTEMBRE – La Vice Ministra Emanuela Del Re ha partecipato in videoteleconferenza all’evento a margine della 75ma assemblea generale ONU sulla Prevenzione e il controllo delle “malattie non trasmissibili” (NCD). Organizzato da Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) e Federazione Russa, l’evento si e’ prefisso l’obiettivo di proseguire il lavoro comune per il raggiungimento dell’obiettivo Salute dell’Agenda 2030, con particolare riferimento alle malattie non trasmissibili.

Nel suo intervento, la Vice Ministra ha ricordato come l’Italia abbia uno dei più alti tassi di aspettativa di vita al mondo. “Quest’anno abbiamo pagato un pedaggio elevato al Covid-19; tuttavia, il nostro sistema sanitario universale ha reso possibile controllare la crisi sanitaria più significativa degli ultimi decenni.”

“Un grande aiuto è venuto dai nostri alti valori socio-culturali in ambito alimentare, che si concentrano sulla conservazione ambientale del territorio e dei mari e sulle pratiche agricole sostenibili”, ha proseguito: “Stili di vita sani e una dieta equilibrata non solo prevengono le malattie non trasmissibili, ma hanno anche un impatto positivo sulla salute generale delle persone.”

“Affrontare le NCD, durante e dopo la pandemia, e ridurre i tassi di morbidità e mortalità è fattibile con un approccio olistico che comprenda: assistenza sanitaria accessibile a ogni cittadino, investimenti nella ricerca e nella tecnologia, conservazione della tradizione locale, miglioramento dei sistemi alimentari sostenibili e un impegno efficace con il settore privato”, ha concluso Del Re: “Questi sono gli strumenti per il successo di questo sforzo e l’Italia sarà sempre in prima linea in questo compito.” (@OnuItalia)