UNGA75: Guterres, anno chiave in vita organizzazione, COVID ci ha messo in ginocchio

192
UN Photo/Eskinder Debebe

NEW YORK, 15 SETTEMBRE – In un anno “fondamentale”
nella vita dell’organizzazione, le Nazioni Unite hanno molti compiti davanti: “Dobbiamo continuare a rispondere all’impatto immediato della pandemia da coronavirus rafforzando i sistemi sanitari e sostenendo lo sviluppo e la distribuzione equa di cure e vaccini, ma dobbiamo anche prepararci a costruire una forte ripresa, basata sull’Agenda 2030 e sull’accordo di Parigi”, ha detto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres nel corso della riunione di
apertura della 75esima sessione dell’Assemblea Generale.

Guterres si é congratulato con l’ambasciatore della
Turchia, Volkan Bozkir, per la sua elezione come presidente di
questa sessione dell’Assemblea. Il dibattito generale virtuale inizierà martedì prossimo: nella giornata di apertura
come da consuetudine, oltre al segretario generale, ci sarà il
presidente americano Donald Trump che potrebbe essere l’unico capo di stato ad arrivare di persona nel quartier generale Onu per il suo discorso.

Guterres ha poi parlato con UN News a proposito della sfida del Covid: la marcia del virus, che “ci ha messo in ginocchio”, dovrebbe essere una lezione di umilta’ per i leader mondiali. Il segretario generale ha aggiunto che una mancanza di solidarieta’ da parte di alcune nazioni ricche nei confronti del mondo in sviluppo significhera’ il prezzo per tutti sara’ piu’ alto. (@OnuItalia)