Libano: inviato Onu visita missione Unifil. Con Del Col e Fulco anche dai caschi blu italiani a Shama

1586
Min. Difesa

BEIRUT, 10 MARZO – Nell’ambito del processo di analisi e studio delle risorse della missione Unifil nel Libano Sud, una delegazione delle Nazioni Unite, composta da nove membri e guidata dall’assistente segretario generale Khaled Khiari, ha concluso nei giorni scorsi una visita di una settimana in Libano e nell’area delle operazioni della missione.

Khaled Khiari

Ne dà notizia l’Agenzia Nova secondo la quale durante la visita Khiari è stato accompagnato dal comandante Unifil, generale Stefano Del Col. La visita è stata organizzata su richiesta del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, sulla base della risoluzione del Consiglio di Sicurezza 2485 del 29 agosto 2019, con cui si chiedeva di fornire al Consiglio un’analisi sulla forza di Unifil, sia per la componente militare sia per quella civile, entro il primo giugno 2020.

La delegazione guidata da Khiari, che è assistente segretario generale per Medio Oriente, Asia e Pacifico, Dipartimenti degli affari politici e di consolidamento della pace e operazioni di pace delle Nazioni Unite, ha incontrato anche autorità libanesi, altri funzionari Onu e rappresentanti diplomatici a Beirut. Tra le autorità locali Khiari, accompagnato dal generale Del Col, ha incontrato il presidente del parlamento Nabih Berri, il primo ministro Hassan Diab, il Vice primo ministro e ministro della Difesa, Zeina Akar, il ministro degli Affari esteri, Nassif Hitti, e il generale Joseph Aoun, capo di Stato maggiore delle Forze armate libanesi. Agenzia Nova riferisce che nella fase iniziale, Del Col ha ricevuto la delegazione a Naqoura, dove ha illustrato l’attuale situazione nel sud del Libano. Si è passati poi ad una ricognizione nell’area delle operazioni, durante la quale l’alto funzionario Onu ha potuto apprezzare in prima persona il lavoro quotidiano dei peacekeeper, finalizzato a promuovere la pace nel Libano meridionale e sopratutto lungo la “blue line”, la linea di demarcazione tra Israele e Libano e centro di gravità dell’intera Missione.Unifil

E’ in questa fase che Khiari ha incontrato nella base UNP 2-3 di Shama il contingente italiano, guidato dal generale Diego Filippo Fulco. Il comandante del Settore Ovest ha presentato al delegato Onu le attività del suo settore di competenza vasto circa 1.750 chilometri quadrati e con oltre 50 chilometri di “blue line”. Nelle sue osservazioni al termine della visita, Khiari ha sottolineato che le attività svolte da Unifil, in aderenza a quanto sancito con la risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza, sono orientate a sostenere l’autorità statale e mantenere la cessazione delle ostilità tra Libano e Israele. ”Sono incoraggiato dal costante impegno dei funzionari libanesi e dei membri del corpo diplomatico nel sostenere il lavoro di Unifil e Unscol (ufficio del coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il Libano) nell’attuazione della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza”, ha affermato il capo della delegazione, confidando nella ottimizzazione delle operazioni di Unifil e nelle attività congiunte e a supporto delle forze armate libanesi, partner strategico della Missione.