Vicinato Meridionale: Sereni per nuova visione Ue

555
Marina Sereni

ROMA, 15 MAGGIO – “Nel corso degli anni, l’Italia ha costantemente sottolineato la necessità di prestare attenzione al nostro Vicinato meridionale. Ora è urgente e necessario lavorare tutti insieme, come Unione Europea, per delineare una nuova e ambiziosa visione strategica”. Lo ha dichiarato la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni, nel corso della videoconferenza promossa dalla Ministra degli Affari Esteri spagnola Arancha Gonzalez sulle prospettive del Vicinato Meridionale, in vista del dibattito sull’impatto di Covid-19 nell’area MENA (Maghreb, Levante e Golfo), previsto nel Consiglio Affari Esteri di oggi.

“Una nuova Politica Europea di Vicinato che divenga parte integrante dell’azione globale dell’UE – ha spiegato Sereni – è fondamentale per fare fronte non solo all’emergenza sanitaria per Covid-19, ma anche ai nuovi rischi di destabilizzazione che possono provenire dalle coste meridionali, a cominciare dal perdurante conflitto in Libia e dall’instabilità del Sahel, solo per fare qualche esempio”.

“Una Politica Europea di Vicinato rinnovata – ha proseguito la Vice Ministra – è importante per affrontare le cause profonde della migrazione e contrastare l’immigrazione irregolare. Ed è essenziale per raccogliere tutti i vantaggi che può offrire una cooperazione costruttiva con i nostri vicini. Per questo condividiamo la proposta spagnola di destinare adeguate risorse e attenzione politica per il Vicinato Meridionale, accrescendo la cooperazione con i nostri partner meridionali in settori quali l’ambiente, il clima e la salute nel Mediterraneo…È urgente e necessario – ha concluso Sereni – che l’Europa svolga una discussione ambiziosa e lungimirante su come rilanciare le nostre relazioni con i nostri Vicini Meridionali”. (@OnuItalia)