#WeareItaly : Sereni, la campagna un successo, arte e cultura pilastri della ripresa

874

ROMA, 30 APRILE – #WeAreItaly, campagna realizzata dalla Farnesina nelle scorse settimane, è stata un successo: la vice ministra Marina Sereni commenta così la conclusione dell’iniziativa.  ”Con questa campagna -ha detto Sereni – lanciata proprio nel momento più duro dell’epidemia, è stato possibile comunicare al mondo la profonda vocazione dell’Italia all’arte, alla cultura, alla creatività, che sarà una delle basi importanti della nostra ripresa, una vocazione che il virus non potrà mai scalfire”.

Uto Ughi

Tramite i canali social utilizzati (Youtube, Facebook, Instagram, Twitter) e i repost fatti da molti degli artisti, la campagna ha registrato oltre 2 milioni e mezzo di visualizzazioni, a cui vanno aggiunte 41 mila visualizzazioni della pagina #WeAreItaly del Ministero degli Esteri, nella quale sono state presentate, insieme a film, rappresentazioni liriche e teatrali, letture e visite virtuali ai musei, le iniziative degli artisti e della rete culturale del Paese.

In libreria

”#WeareItaly – ha spiegato la Vice Ministra – ha voluto rappresentare la migliore vetrina di un Paese impegnato in una dura battaglia, una vetrina che il mondo intero ha potuto osservare per apprezzare il valore dell’Italia e degli italiani in campi che da sempre ci vedono protagonisti’. Per Sereni si è potuta così trasmettere ”l’immagine di un Paese che, nonostante la difficoltà, non si ferma e mantiene la sua forza vitale e creativa proprio grazie alla cultura”.  Da Andrea Bocelli a Claudio Magris, da Uto Ughi a Paolo Conte, ha aggiunto ”voglio ringraziare il contributo dei tantissimi musicisti, attori, scrittori e danzatori italiani che hanno aperto al mondo le porte delle loro case per dare la loro testimonianza come artisti italiani. E il ringraziamento va esteso anche ai tantissimi artisti stranieri che hanno dato un proprio contributo alla campagna e anche a tutti coloro che fuori dall’Italia hanno contribuito, rilanciandola e diffondendola, al successo della campagna”.