Cooperazione e Fondo Africa: interventi umanitari italiani per Yemen e Burkina Faso

1009
cooperazione

ROMA, 25 LUGLIO – L’Italia in soccorso delle popolazioni dello Yemen e del Burkina Faso, il primo devastato da una lunga guerra, il secondo con il grave problema di un forte flusso di profughi provenienti per lo più dal Mali.

Emanuela del Re

YEMEN. In risposta alla gravissima crisi umanitaria che continua ad affliggere lo Yemen, la Vice Ministra degli Esteri e della Cooperazione, Emanuela Del Re, ha approvato un pacchetto di interventi di emergenza per 5 milioni di Euro a sostegno dell’azione umanitaria messa in campo da Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR), Programma Alimentare Mondiale (PAM) e Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel Paese. L’Italia dà così piena attuazione agli impegni assunti alla Conferenza dei Donatori di Ginevra sullo Yemen dello scorso 26 febbraio. Con oltre 24 milioni di persone che necessitano di assistenza, gli interventi decisi dalla Cooperazione Italiana renderanno possibile alleviare le sofferenze della popolazione yemenita attraverso il rafforzamento delle attività affidate alle tre Agenzie umanitarie, che interesseranno i settori della distribuzione di generi alimentari di prima necessità, della lotta alla malnutrizione infantile, della protezione e dell’assistenza legale alle vittime delle violazioni del diritto internazionale umanitario, dell’assistenza sanitaria e della riabilitazione ortopedica e con forniture di protesi per i sopravvissuti a esplosioni e bombardamenti.

BURKINA FASO – Aiuti per un milione di euro volti a  migliorare le condizioni di vita di sfollati e rifugiati presenti in Burkina Faso, prevalentemente originari del Mali. La donazione è stata possibile grazie alle risorse del Fondo Africa per un progetto eseguito dall’UNHCR.
Obiettivi del progetto sono il sostegno alle Autorità locali per fornire documenti di identità a circa trentamila persone ai fini dell’accesso ai servizi di base, e l’assistenza ad almeno settemila persone con soluzioni abitative alternative ai campi, ed adatte alle condizioni locali. Una specifica intesa tecnica è stata conclusa tra il Ministero degli Esteri e UNHCR: hanno firmato Luigi Maria Vignali, Direttore Generale per gli Italiani all’Estero e le Politiche Migratorie della Farnesina, e Dominique Isabelle Hyde, Direttrice per le Relazioni Esterne dell’UNHCR.