FAO e AIEA insieme per sviluppare strategie per affrontare le malattie zoonotiche

114

GINEVRA, 13 MAGGIO – FAO e AIEA insieme per un evento di preparazione al prossimo Forum Globale delle Nazioni Unite: un partenariato che unisce tecnologia, scienza ed esperienza per la preparazione ad affrontare le malattie zoonotiche (patologie che si trasmettono tra animali e uomo). L’evento collaterale FAO/AIEA ha riunito i panellist dei laboratori veterinari nazionali di Argentina, Croazia ed Etiopia di fronte a un pubblico di oltre 200 persone provenienti da 69 paesi. 

L’AIEA ha sottolineato il contributo tangibile che la scienza e la tecnologia nucleare possono dare nell’aiutare i paesi a rispettare le loro priorità e i loro impegni nazionali in occasione del Forum scienza, tecnologia e innovazione (IST),una piattaforma delle Nazioni Unite che ha incoraggiato una stretta collaborazione e progresso tra governi, società civile, settore privato, comunità scientifica ed entità delle Nazioni Unite dal 2016.
A margine del Forum STI, organizzato in collaborazione con la FAO,attraverso il Centro Congiunto di Tecniche Nucleari della FAO/AIEA in Alimentazione e Agricoltura,un gruppo di alti rappresentanti dei laboratori veterinari nazionali provenienti da Argentina, Croazia ed Etiopia, insieme agli esperti dell’AIEA, ha fornito una panoramica delle attività globali di assistenza alle emergenze COVID-19 dell’AIEA e ha affrontato il ruolo della scienza e della tecnologia nucleare nel contribuire al conseguimento degli obiettivi SDG.

Mostrare il potenziale delle tecnologie nucleari e di derivazione nucleare alla più ampia comunità di sviluppo è il primo passo verso la creazione di partenariati e sinergie per sostenere meglio i paesi, specialmente quelli in via di sviluppo.

La vasta esperienza dell’AIEA nell’affrontare i focolai zoonotici e le malattie animali transfrontaliere costituisce la base per una nuova iniziativa, il programma d’azione integrato per le malattie zoonotiche (ZODIAC). Lanciato nel 2020, ZODIAC mira a migliorare le interazioni tra scienza, responsabili politici e società promuovendo la collaborazione per identificare i rischi e affrontare i focolai di malattie che passano dagli animali all’uomo, con l’obiettivo di garantire l’accesso universale alle soluzioni. Il forum dell’IST ha sottolineato l’importanza di rafforzare i collegamenti e la comprensione reciproca tra le comunità scientifiche e politiche per affrontare le sfide globali, non solo nei momenti di crisi. Questo concetto, spesso indicato come interfaccia scienza-politica, è al centro di molti progetti dell’AIEA, che coinvolgono governi, controparti nazionali e partner per promuovere la conoscenza e la condivisione dei dati per informare il processo decisionale quando si affrontano le minacce sanitarie globali come le epidemie di Zika ed Ebola, per facilitare il progresso della ricerca collaborativa negli usi pratici delle tecniche nucleari e per garantire l’accesso universale alle soluzioni per le priorità di sviluppo a sostegno delle esigenze più urgenti.
“Mostrare il potenziale delle tecnologie di origine nucleare  alla più ampia comunità di sviluppo è il primo passo verso la creazione di partenariati e sinergie per sostenere meglio i paesi, specialmente nei paesi in via di sviluppo”, ha dichiarato Hua Liu, vicedirettore generale dell’AIEA e capo dipartimento della cooperazione tecnica.
La tecnologia nucleare sta apportando un contributo fondamentale agli sforzi nazionali mentre i paesi lavorano per soddisfare le loro priorità nazionali e i loro impegni nei confronti dell‘Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile – una spinta globale verso un mondo più giusto ed equo.